Poesie di Claudio Visconti De Padua

Dipendente Regione Campania, nato venerdì 25 aprile 1969 a avellino
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Diario.

C'è penuria d'affetto,
di semplicità,
di gesti sinceri fatti dal cuore,
riusciamo a parlare
con persone distanti
e scappiamo da quelle vicine.
Viviamo in un'epoca
di visi torbidi
e faccine virtuali che sorridono,
abbiamo mani che non sanno
abbracciare
tecnologia in abbondanza
tanto da renderci uomini
e donne chiusi in se stessi
nel propio fardello
dello spreco.
Claudio Visconti De Padua
Composta martedì 20 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Lei fu la pioggia
    improvvisa
    che pervade goccia dopo goccia
    il corpo,
    lei fu quell'onda
    che travolge il tuo cammino.
    I suoi occhi
    color muschio
    incantarono la mia anima
    e la sua voce
    penetrante
    calamitava
    i miei passi,
    come uno schiavo
    ubbidivo al suo amore!
    Lei fu
    ciò che io desideravo
    ma non conoscevo,
    ed io come nave alla deriva
    approdai nella sua vita.
    Claudio Visconti De Padua
    Composta venerdì 16 gennaio 2015
    Vota la poesia: Commenta
      Sento il tuo profumo
      alitare come spifferi
      sul mio viso.
      Come una radice
      che si espande
      nel terreno del mio cuore
      sono le tue carezze
      sulla mia pelle.
      C'è tracci di te
      ovunque
      in questa camera
      spenta.
      La tua anima alberga
      in questa spazio
      senza tempo
      e tu sei via
      ma è rimasto
      in me tutto il tuo sapore
      che io gusto
      in ricordi ed emozioni.
      Dimmi amore
      fin quando dovrò
      accontentarmi
      di questo placebo?
      Assuefatto al tuo amore
      attendo le tue mani
      soffrendo.
      Non c'è pace
      né silenzio
      nell'anima
      portami quella parte di
      me che vive in te
      e fammi vivere.
      Claudio Visconti De Padua
      Composta martedì 13 gennaio 2015
      Vota la poesia: Commenta
        Tutto scorre
        nel suo silenzio oscuro,
        nel suo dramma fatto
        di enigmi e misteri.
        Tutto scorre
        in questo mondo
        come sempre
        nel dolore, nell'affanno
        nella sofferenza nella morte.
        C'è un solco
        laggiù che noi vediamo
        e ne percorriamo
        i battenti tortuosi
        ignota la sua destinazione
        illogico il suo percorso,
        inafferrabile il suo senso.
        Tutto scorre come sempre
        e noi spettatori
        osserviamo ignari
        dello spettacolo
        e del suo finale.
        Claudio Visconti De Padua
        Composta sabato 10 gennaio 2015
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di