Scritta da: Claudio

Un salto nel tuo cuore

Farò un salto nel tuo cuore
per dare una realtà al mio,

giro e rigiro l'anima dentro
questa confusione che ci
trovo ogni volta che mi
accorgo che sei appena passata,

sento il tuo profumo
odore di pensieri a forma di
foglie appena vissute,

farò un salto nel tuo sogno
con la mia corazza e ali per farti
volare, io ti guardo da lontano
alla fine del primo capitolo di
altre mille storie che vivremo in noi,

farò un salto nel blu degli occhi tuoi,
navigherò sulle tue onde dell'anima
calmerò le tue paure e ti proteggerò
da bieghe angosce senza colori,

farò un salto nel tuo amore
e lo renderò nostro per sempre.
Claudio Masciulli
Composta giovedì 3 marzo 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Claudio

    Storia letta

    Storia letta
    alla fine dell'ultimo
    capitolo chiudendo tutte le porte
    del cuore, chissà se nascerà
    quell'arcobaleno disegnato da noi,

    forse gli angeli hanno finito di
    colorare il cielo sognato da noi,
    avevamo affidato scene vissute ad un
    pittore per un quadro dei nostri ricordi,

    chissà se mai sarà finito
    ora che attraversiamo nebbie di
    solitudini tenute per mano
    come per paura di lasciarsi andare
    ognuno nelle proprie malinconie

    alla fine del nostro egoismo
    di non voler dividere le anime affidandoci
    l'uno all'altra, lasciando fuori il tempo
    che non aspetta,

    storia alla fine di un ennesimo addio
    con le spalle girate ad un tramonto
    cancellato, come alla fine di un temporale
    senza arcobaleno, come il mare senza profumi
    respirati, come ora io e te.
    Claudio Masciulli
    Composta sabato 22 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Claudio

      Prendi la mia mano

      Prendi la mia mano
      fidati adesso del mio cuore
      segui questa traccia lieve
      di vento che ti accarezza il viso
      guarda dove va
      prendi la mia mano
      e accompagnami tu
      a un nuovo orizzonte
      a un nuovo tramonto
      a cullarmi in un abbraccio
      senza fine
      prendi la mia mano
      per non cadere nelle buie notti
      di lontane nostalgie
      di offuscate malinconie
      prendi la mia mano
      io sono qui a lottare dentro te
      non ho paura so che annienterò
      ciò che ti fa star male
      ricaccerò indietro le orde di assurde
      angosce che dominano il tuo vivere
      brucerò in un grande falò tutte le tristezze
      assopite ti lascerò una luce seguila
      raggiungerai l'arcobaleno nel mio cuore.
      Claudio Masciulli
      Composta lunedì 22 febbraio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di