Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Horion Enky

Gitana

Scrivo una poesia d'amore per te,
sulle musiche di zingari,
che danzano sensuali balli,
in una notte di luna piena.
Ubriaco d'amore, son di te, mia bella gitana,
dai lunghi e setosi capelli, di nero corvino
che, maliziosamente, fai scivolare,
sfiorando il mio corpo con suadenti carezze
e provocandogli fremiti di desiderio travolgente
e di mera passione.
I tuoi occhi risplendono
delle stelle del cielo, traboccanti d'amore.
Vaso scoperchiato di Pandora,
dove perdere mi voglio, in tutti i suoi vizi tentatori.
Donna ancestrale,
onda del mare. In cui io,
come arenile, da te, mi lascio cullare.
Bello il tuo corpo, di venerabile natura
che, al pari di lei, nasci dalla spuma,
mia perla di cui, il corpo abbronzato, vieni a me donare.
Tu sei poema, poesia scritta tra le note.
A me, tu sei arrivata,
in una notte di luna piena, mia bella gitana.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Horion Enky

    Luna

    Luna, tu sei la regina della notte
    e nell'oscurità ti esibisci,
    con luce che affascina chi ti sta a guardare.
    Luna, tu sei l'imperatrice del buio notturno,
    sovrana che volteggia nel cielo,
    e, come una danzatrice, rapisci cuori malati d'amore.
    Luna, tu vivi tra luci soffuse e ghermisci malinconici sorrisi,
    tu, luna, dea della notte e madre di tutte le stelle.
    Luna, tu, con i tuoi raggi, illumini il buio,
    tuo complice nell'ammaliare e stregare.
    Oh, regina della notte, continua a farci sognare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Horion Enky

      Vieni con me

      Vieni con me,
      ti regalo un paio d'ali.
      Prendimi per mano
      così voleremo in cielo,
      la dove le nuvole
      vanno a nascondersi quando c'è il sole.
      Ti farò vedere dove gli arcobaleni
      giocano a nascondino con le nuvole e il sole.
      Stringimi la mano
      e con le ali della fantasia,
      voleremo sfiorando le onde del mare,
      sentendone gli spruzzi sul viso.
      Voleremo sempre più lontano,
      anche oltre gli orizzonti.
      Dove si mostreranno a noi luoghi incantati
      e più leggeri di una piuma
      voleremo liberi come l'aria.
      Prendimi per mano e non parlare,
      le parole non servono,
      lasciamo parlare i nostri cuori.
      Vota la poesia: Commenta