Scritta da: Horion Enky

Il senso della vita

Che senso ha la vita,
quando vuoi lasciarti portare via dal vento,
perché dove vivi non sei contento.
Vorresti essere un fiume in piena,
per affogare dentro tutto quello
che, la guerra interiore, ti scatena.
Quanta rabbia nelle tue mani,
stringi i pugni e rimandi tutto a domani,
pensando che sia un giorno migliore.
Hai voglia di seguire la tua mente,
sperando, tra varie idee, di trovare una soluzione,
magari viaggiare, senza doverti fermare.
Fuori piove, se n'è andato il sole
e le gambe diventano pesanti per camminare,
senti freddo, è il vento che ti ferma e non ti fa volare.
Claudio Bizzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Horion Enky

    Mia vita

    Il mio sguardo è arrivato là,
    fin dove finisce il cielo,
    dove gli occhi miei hanno incontrato i tuoi,
    perdendovisi dentro,
    perché vi hanno visto l'universo intero.
    Dal momento in cui ho scoperto
    la purezza, dell'anima tua,
    il mio amore si è fermato nel tuo cuore.
    Guardando nella stessa direzione
    e, vivendo insieme sotto questo mirabile cielo,
    la mia vita e la tua vita
    hanno riacquistato il senso perso.
    Claudio Bizzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Horion Enky

      Ho cosparso un sogno

      Nei suoi occhi ho cosparso un mio sogno,
      di mirabile visione era,
      etereo come un bacio Angelico,
      disseminato dal vento,
      tra i suoi morbidi e caldi seni si posò.
      Fantasia di una notte vissuta
      a cercare il suo corpo, che a me offriva,
      in un scambio di dolci effusioni.
      A nudo mettevamo il nostro amore,
      di due corpi ansimanti che si fondevano,
      estasi pura l'anima viveva.
      Lei, Angelo o demone, il cuore mi rapiva.
      Claudio Bizzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Horion Enky

        Ciao libertà

        Giorni Inquieti,
        frontiere chiuse,
        promesse mancate,
        canti e balli,
        musica di plastica
        suonata da un giradischi
        con dischi in vinile.
        E ancor correre, per poi fermarsi
        di fronte a un filo spinato,
        bagnato da lacrime di libertà,
        una colomba bianca cade al suolo
        con le piume macchiate di sangue.
        Alzo al cielo un calice
        pieno di speranza,
        vorrei brindare all'amore,
        ma le mani tremano
        e il vento, con il suo soffio,
        se lo porta via.
        Ciao libertà.
        Sono solo, lo so
        ma, da uomo libero, vorrei continuare
        a lottare e a tutti dire "ascoltate,
        con l'amore il sangue si può fermare
        e la libertà far trionfare".
        Facendo si che i dischi in vinile
        possano tornare a suonare
        ed insieme poter cantare.
        E sarai ancora tra di noi.
        Claudio Bizzi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di