Scritta da: Horion Enky

Non seguirmi

No non seguirmi,
se non sei pronta,
a camminare su nuovi mondi.
No non seguirmi,
se avrai paura di navigare,
su i mari dell'ignoto.
No non seguirmi,
fin quando le tue ali non saranno pronte
per volare, su cieli che non hai mai visto.
No non seguirmi se non lo vorrai veramente,
la mia anima non dorme mai,
perché è sveglia da sempre.
Claudio Bizzi
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Horion Enky

    Davanti a Dio

    Ti manterrò nei miei pensieri
    anche quando posson sembrar
    solo dei sogni veri.
    Ti porterò per sempre nelle mie giornate
    nonostante le nostre lunghe litigate.
    Ti sosterrò in ogni momento
    divenendo la tua solida base di cemento
    che ti eleverà a monumento.
    Ti amerò per sempre,
    perché quello l'ho giurato davanti Dio
    e non al vento.
    Claudio Bizzi
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Horion Enky

      Intrisi di noi

      Comincio da me,
      dai miei sogni
      e l'odore delle notte
      intriso nelle narici.
      Dai cani sciolti
      che non hanno paura
      di correre sotto le stelle,
      abbaiando alla luna.
      Del vento e della pioggia,
      dalle tempeste
      che annebbiano il cuore,
      i pensieri e la mente,
      l'ardore e la gelosia.
      Comincio da te
      che unisci i tuoi sogni ai miei,
      non ho paure della notte
      quando sono con te,
      si colora di stelle.
      Siamo lupo e falco,
      l'altare e il calice
      anime che si basano
      sui fondamenti dell'amore,
      delizia e croce.
      Il sogno che s'avvera
      in una notte nera,
      mentre le stelle,
      ci stanno a guardare.
      Claudio Bizzi
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Horion Enky

        Vita mia cara amica

        Ti sei nascosta dentro i miei passi,
        confondendoti nelle impronte del passato,
        l'inquietudine tradiva i ricordi,
        troppo lontani per viverli nel presente.
        Marosi i pensieri, smossi dall'increspar delle onde,
        trascinati via come fine sabbia,
        vanno a morir nel profondo dell'oblio
        che l'anima fugge dal perfido tempo.
        Non hai ali che nell'alto del cielo si lasciano portar dal vento,
        incline ai dubbi, confusa ricerca del cuore,
        tu vuoi sanare le cicatrici dell'amore
        che chiuso dentro di una gabbia dorata, muore.
        Non vi sarà pianto o riso a ridestar il sorriso spento,
        quello che insegui lasciandoti trasportare dal vento,
        il quale non cancella le orme degli errori del passato,
        ma le ricopre solo di una patina accumulata
        e fatta più delle volte di indifferenza e rancore.
        Così te ne stai a rimirar chi ti può essere sembrato
        un tempo il faro,
        cercando di comprendere e farti illuminare dalla le luce
        che illuminava il suo cammino,
        ma cieca inciampi nelle ombre dei suoi errori.
        Amica tu allunga le mani e aggrappati al tuo domani,
        perché sarà solo esso a condurti dritta al tuo futuro,
        fatto di gioie e i di dolori, ma questa è la vita.
        Claudio Bizzi
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di