Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Horion Enky

Son calde le tue mani

Son calde le tue mani
e piene di sogni
intrisi di magia.
Disperdi polvere di stelle,
nell'anima di chi vai ad amare.
Un soffio caldo dalle tue labbra,
arriva alle mie,
di baci che son poesia,
per questo cuore innamorato.
Dolcemente, tra le mie mani
ti tengo, piccolo fiore,
mia Margherita.
Non sarai il gioco,
di strappare tutti i tuoi petali
per sapere se sei o no il mio amore.
Da quando ti ho incontrata,
i nostri cuori
si sono riempiti di candidi colori
e di luce fatata.
Forse su di me, con la tua polvere,
hai fatto una magia.
Ma di sicuro so
che hai rubato l'anima mia.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Horion Enky

    Amico caro

    Amico caro, con te il destino non è stato grato.
    Te ne sei andato senza dirci nulla
    e, con orgoglio, il tuo dolore hai sopportato.
    Non ti sei fatto vedere quando cadevi,
    poiché, con le tue forze, non ti reggevi.
    Sapere che non sei più qui con noi,
    fa troppo male.
    Ma voglio ricordarti
    come quando, bambini felici, giocavamo
    ed i nostri sogni, ci raccontavamo.
    Complicità mai dimenticate,
    i primi amori, il tuo matrimonio e i figli.
    I mali interiori.
    Seppur la vita con il tempo ci avesse allontanato,
    nel mio cuore, sempre, per te un posto ho riservato.
    Ora son qui che guardo il cielo,
    tra le nuvole, il tuo volto sorridente sto cercando,
    pensando che, con la tua moto,
    nel cielo, stai sfrecciando
    e con gli angeli stai gareggiando.
    Ciao caro amico, oggi te ne sei andato in silenzio,
    lasciando un vuoto dentro,
    dall'ammarezza non mi voglio far consolare,
    perché tu eri solare
    e, a noi, donavi tutta la tua gioia e voglia d'amare.
    Questo eri tu per me caro amico
    e il mio cuore non ti saprà mai dimenticare.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Horion Enky

      Se per ogni parola

      Se per ogni parola che scrivo,
      riuscirò a fare sì che tu possa leggerla,
      posandovi sopra il tuo sguardo,
      avrò sempre la speranza
      di riuscire ad entrare nella tua anima
      e smuovere il tuo cuore.
      E, se da queste parole ne trarrai un'emozione
      che invada la tua vita,
      ti avrò narrato di me cose viste dai miei occhi
      che, con la complicità delle mani,
      ho scritto sopra un foglio di carta,
      per essere sempre disponibili a te,
      in ogni momento, quando avrai bisogno
      di sentire le mie parole.


      If every word I write,
      I can do so that you can read it,
      dirt with your eyes,
      I will always have hope
      to be able to get into your soul
      and move your heart.
      And, if these words shalt thou emotion
      that invades your life,
      you told me things I have seen from my eyes
      that, with the complicity of the hands,
      I wrote on a sheet of paper,
      to be always available to you,
      at any time when you need
      to hear my words.
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Horion Enky

        No war

        Ho visto soldati andare via,
        camminavano lungo le strade
        del loro tempo
        e, seppur cantassero,
        in quelle parole non c'era allegria,
        sapevano quanto può essere infame la sorte,
        perché qualsiasi guerra, che si combatte,
        porta solo dolore e morte.
        Ho visto spose asciugare le lacrime,
        di chi bagnava le canne dei fucili,
        in ognuno di quei ragazzi,
        vedevano il dono della vita,
        i propri figli.
        Ho visto ragazzi partire,
        con negli occhi la voglia di vivere,
        erano soldati per modo di dire,
        perché a vent'anni si ha voglia di vivere
        e non di morire,
        essendo la vita un giardino
        dove nascono ogni giorno solo fiori
        che si chiamano amori.
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Horion Enky

          Vivere

          Ogni mattina mi immergo in questo immenso mare, chiamato vita
          e, salendo sulla barca di nome giorno,
          isso la bianca vela che si inerpica sull'albero della libertà.
          Parto per nuove esplorazioni e strabilianti conoscenze,
          ogni giorno navigo, spingendomi oltre,
          sospinto dai venti che soffiano, sempre verso altre frontiere.
          Questo mare voglio continuare a esplorare
          per scoprire cosa c'è oltre quello che la realtà ci dà da vedere,
          senza porre limiti alla mia fantasia
          che sa farmi vedere mondi veri, che non saranno mai visti dai più.
          Una sfida con me stesso, che ripeto ogni alba,
          l'accrescere e il saziare, quell'inaudita fame di conoscenza,
          che non riesco ad appagare.
          Vota la poesia: Commenta