Scritta da: CINELLA MICCIANI

Onda anomala

Cammino lentamente.
Respiro l'odore forte
del muschio.
La pioggia è cessata.
Il sole fa capolino.
Intorno nessuno
a rompere
l'incantesimo.
Il silenzio
è il richiamo
più forte.
L'acqua fresca
ha donato alla terra
un profumo speciale.
Cammino lentamente
e ti porto con me.
Il mio amore
è un'onda anomala.
Tracima
rompe gli argini
ti ruscella addosso.
Ho negli occhi
i tuoi sorrisi.
Coralli splendenti
m'avvolgono
in un abbraccio
senza fine.
Ti sento vibrare
nella mia anima.
Improvvisa
rintocca l'ora.
Allungo il passo.
M'accompagna
il pensiero di te.
Cammino
e avverto
il lieve fruscio
delle ombre
che scivolano
tra le fessure,
ultimo baluardo
alla luce.
Cinella Micciani
Composta venerdì 11 novembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Grido a voce spenta

    Grido
    ma l'urlo
    si spezza in gola.
    Ti parlo.
    Non rispondi.
    Questo silenzio
    mi distrugge.
    Sei come sabbia
    tra le dita.
    Scivoli via.
    Vorrei capire
    ma non chiedo.
    Il mio cuore grida
    a voce spenta.
    È un sibilo
    monotono
    impercettibile
    che penetra
    nell'anima
    e la scuote.
    Nel mio silenzio
    sento la tua voce.
    Ormai hai perso
    pezzi di me
    e della mia vita.
    Frammenti
    di pensieri
    cenni
    di sogni infranti.
    Una lunga scia
    d'ovattate nuvole
    arrotola pensieri.
    Il sole s'affaccia
    all'orizzonte
    trasparente di luce.
    Il bisogno d'amare
    mi scoppia nel cuore.
    Lascerò che il vento
    cancelli le mie tracce.
    Non sono nata
    per versare lacrime.
    Cinella Micciani
    Composta venerdì 11 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Soffi di vita

      Capita
      a volte
      che il cuore
      sia triste
      e viva momenti
      di fragilità,
      di respiri
      sospesi,
      di echi remoti.
      Cerchi la pace
      come la foglia
      la rugiada.
      Non vuoi
      carezze.
      Solo silenzio.
      Quello magico
      che penetra
      nell'anima.
      e l'inonda di pace.
      La brezza leggera
      profuma di fresco,
      parla di buono,
      parla di te.
      Sulle ali del vento
      mi libro in alto
      verso l'orizzonte
      dove lascerò
      tracce di me.
      Mi vestirò di luce.
      Sarò petalo
      di fiore in boccio
      respiro sussurrato
      carezza della sera.
      Guardando il cielo
      mi perderò nel blu
      dei miei sogni
      più belli.
      Vivo
      attimi d'infinito,
      soffi di vita
      e d'immortalità.
      Cinella Micciani
      Composta venerdì 11 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        La parte bella di me

        Sei la parte più bella
        della mia vita,
        quella che mi sostiene
        quando tutto crolla.
        Di te amo ogni cosa.
        Una minima sfumatura
        la più impercettibile
        del tuo dolcissimo viso
        intento a scrutare il mio.
        Il fervore del tuo parlare
        se devi calmarmi
        o sei in ansia per me.
        Ho impresso nel cuore
        il sorriso luminoso
        che spunta all'improvviso
        nei momenti di serenità.
        Ammiro la forza del cuore
        che lotta e non s'arrende.
        Sono fiera del tuo essere
        onesto dentro
        pulito nell'anima,
        generoso oltre ogni limite,
        nemico delle ingiustizie
        dei soprusi e della viltà.
        Amo le parole non dette,
        i pensieri celati
        le ansie camuffate
        per non trasmetterle
        a chi si preoccupa per te.
        Sei un figlio speciale
        con un cuore immenso
        e tanto amore da donare.
        Sei l'amore mio.
        Il mio respiro di vita
        La parte bella di me.
        Cinella Micciani
        Composta venerdì 11 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Linfa di vita

          Da troppo tempo
          trascino la mia vita
          tra rari giorni luminosi
          ed altri opachi, spenti,
          privi di slanci e d’ardore.
          Quando la luce si spegne,
          l’anima s’intristisce,
          scompare il sorriso,
          il cuore si dispera.
          In questi momenti
          un peso enorme
          s’abbatte su di me
          simile a valanga.
          Il corpo si piega
          non regge la fatica.
          Mi crolla il mondo.
          Un fiume in piena
          rompe gli argini.
          Il cuore straripa.
          Lacrime, solo lacrime
          senza pudore e ritegno.
          Non posso vivere così.
          Non è mia questa vita.
          Rivoglio il mio mondo
          striato d’infinito,
          mille colori a rallegrare
          una natura bella di suo.
          Scrollerò via da me
          i dolori e le paure.
          Mi nutrirò d’emozioni
          M’attaccherò alla vita
          con tutta la forza che ho.
          Anche un sorriso
          una carezza tenera
          qualche attimo di te
          saranno balsamo a lenire,
          linfa di vita per me.
          Cinella Micciani
          Composta venerdì 11 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di