Scritta da: CINELLA MICCIANI

Non mi cercate

Oggi
non mi cercate.
Non è successo
niente di grave.
Mi manca solo
la voglia
di ridere
e scherzare.
Ho bisogno
di stare sola
ad ascoltare
il silenzio
dell'anima.
Ho bisogno
di leggere
nel mio cuore,
di ritrovarmi.
Non mi cercate.
Non è successo
niente di grave.
Mi piace
ascoltarmi.
Mi rasserena
e mi dà forza
il silenzio
dell'anima
che s'ascolta.
Diverso
dalle voci stonate
che umiliano
feriscono dentro,
lasciando vuoti
incolmabili,
il silenzio
dell'anima
ha magie uniche.
Ogni volta
sa regalarmi
attimi stupendi
di pace infinita,
aneliti d'eternità.
Cinella Micciani
Composta sabato 19 novembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Ho camminato

    Ho camminato
    per ore ed ore
    senza una meta.
    Il cielo brillava
    colpito dai raggi
    d'un sole amico.
    Ho camminato
    per ore ed ore
    senza pensieri.
    Intorno a me
    un mondo in festa.
    Un ruscello scende
    lungo un pendio
    e canta gioioso.
    La natura sorride
    ad ogni passo.
    Il vento tiepido
    accarezza il cuore.
    Una macchia gialla
    mi corre incontro
    lasciandomi
    il profumo forte
    delle ginestre in fiore.
    Il cuore rintocca
    al ritmo cadenzato
    di vecchia campana.
    È il battito pulsante
    dell'emozione
    che m'esplode dentro.
    Ho camminato
    per ore ed ore
    con la musica in me
    con l'anima estasiata
    colma d'amore vero.
    Tu come sempre,
    racchiuso nel cuore,
    non m'hai lasciato mai.
    Ho camminato
    abbracciata alla Vita
    stretta forte a te
    ricolma di pace
    di respiri d'amore
    d'immensità.
    Cinella Micciani
    Composta sabato 19 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Lembo di notte

      Un lembo di notte
      arrotolato
      si nasconde tra le stelle.
      La sera arriva.
      Il giorno
      piano piano scompare.
      Il buio avvolge tutto.
      Rimane accesa
      in alto
      una luna d'argento
      che ci guarda
      e sorride sorniona.
      Sa bene,
      questo faro celeste,
      come giocare
      con i cuori altrui.
      Una volta soffia
      s'una stella luminosa
      e cosparge cielo e terra
      d'un brillio ch'incanta.
      Sorride divertita
      al battito dei cuori
      e corre ad inventare
      altri magici incanti.
      Spintona una stella
      e la lascia cader giù.
      Noi sotto, creduloni,
      via a spedire il desiderio
      da inviare su nel cielo.
      Il cuore aspetta e spera
      perché altro non può fare.
      Preso da questo gioco,
      incantato dalla magia
      d'una luna d'argento,
      resta solitario
      a guardar tutto
      un lembo di notte
      arrotolato
      nascosto tra le stelle.
      Cinella Micciani
      Composta sabato 19 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Anima violata

        Non ti conoscevo
        non sapevo niente di te.
        Eppure
        sei entrato nell'anima
        con blandizie, lusinghe
        plagiando un cuore
        assetato di bene.
        In un istante
        hai spazzato via
        dubbi e incertezze.
        La mente ottenebrata
        ha smesso di capire.
        Non esisteva più
        la donna razionale.
        Un fuscello alla deriva.
        Un naufrago
        in cerca d'approdo.
        Un essere fragile
        dominato dai sensi.
        Questo è stato l'errore.
        Hai curato il corpo
        mai il cuore.
        Una passione
        priva d'amore vero
        eccita i sensi
        ma ottunde la mente.
        Svuotata di volontà,
        quell'essere è ormai
        un piacevole oggetto
        da irretire o blandire
        con carezzevole astuzia.
        L'anima violata
        si ribella.
        È la fuga disperata
        della dignità svilita.
        Il tempo e il rispetto
        renderanno pace e luce,
        ricchezze immense
        per un'anima radiosa,
        affondata nel buio
        dell'infamante viltà.
        Cinella Micciani
        Composta giovedì 17 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Amo la quiete

          Amo
          la quiete
          della notte.
          Mi regala
          istanti magici
          lontani
          dalla frenesia
          e dal clamore
          del giorno.
          Mi piace
          ascoltare
          i silenzi
          colmi di promesse.
          Batuffoli
          di nuvole
          ovattano il cielo
          mentre giocano
          spensierate
          con una luna
          sorniona.
          Tutto sa di pace
          e di magia.
          Le rare luci
          proiettano
          scie luminose
          ove i sogni
          s'inerpicano
          per poi volare
          verso l'infinito
          Amo la quiete
          della notte.
          Mi culla tenera,
          prepara il riposo,
          mentre il corpo
          ormai stanco
          abbraccia il sonno
          e l'anima si colma
          d'infinita serenità.
          Cinella Micciani
          Composta giovedì 17 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di