Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Ovunque

Mi manchi così tanto
che ti cerco ovunque.
Ti scorgo nell’immenso
che mi sovrasta.
Nelle ali variopinte
d’ una farfalla in volo.
Nel magico scrigno
delle perle preziose.
Ti vedo nell’acqua
gorgheggiante
e cristallina
di ruscello impetuoso.
Ti trovo in una goccia
di fresca rugiada
ch’imperla la foglia
riarsa di sete.
Nei riflessi di luce
d’un alba rosata.
In un raggio di sole
che mi riscalda.
Sei in ogni lacrima
versata per amore.
Nel sorriso dolce
d’una mamma
quando abbraccia
il suo piccino.
Ovunque c’è amore
ci sei tu.
Nei miei respiri
nei battiti del cuore
in ogni emozione
che mi parla di te.
Sei nella mia anima,
linfa di vita eterna,
diamante incastonato
in ogni pezzo di me.
Scintilla ardente
che riscalda il cuore
ovunque io trovi
una traccia di te.
Composta venerdì 21 ottobre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Dono d'amore

    Voglio provare
    felicità.
    Provare dolore.
    Qualsiasi
    sentimento
    pur di sentire la Vita
    vibrare dentro di me.
    Il buio m'opprime
    come il silenzio
    d'una vita spenta.
    Il buio tetro
    oscura il corpo
    e la mente.
    Io cerco la luce.
    La cerco
    nei riflessi dell'anima
    nelle carezze tenere
    nei palpiti impazziti
    negli abbracci di bene.
    Vivo d'amore
    e d'amore mi nutro.
    Non toglietemi
    la speranza.
    Non spegnete i sogni.
    Temo il vuoto.
    Il vuoto del nulla
    quello sterile
    che spegne la luce
    cancella i sogni.
    La vita è un miracolo.
    Sentirla vibrare
    dentro di me
    è un magico
    straordinario
    dono d'amore.
    Composta venerdì 21 ottobre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Cattedrali di luce

      Amo immergermi
      nell'aria frizzante
      del mattino,
      rugiada per l'anima,
      carezza per il cuore.
      È appena l'alba.
      I magici colori
      sfumati di rosa
      macchiano di vita
      il manto turchino.
      Non ho sonno.
      Avrò tanto tempo
      per riposare.
      Incantata, ammiro
      mille tonalità
      tutte diverse.
      Alba e sole
      dipingono il cielo.
      Una rondine garrula
      fa strane piroette.
      Improvviso
      arriva un suono
      di chitarra
      accompagnato
      da un dolce canto.
      Una voce limpida
      com'acqua cristallina
      di sorgente
      entra dentro di me.
      È la tua voce
      che mi cerca.
      Ogni parola,
      sorsata d'amore,
      bagna le pareti
      dell'anima.
      Nel mio cuore
      cattedrali di luce.
      Composta venerdì 14 ottobre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        La magia del silenzio

        C'è un posto
        dove l'anima
        ogni giorno
        si rifugia
        in cerca di serenità.
        È un posto
        dove cielo e terra
        si sfiorano
        s'accarezzano
        si toccano.
        È un posto
        dove trovi
        silenzio e pace.
        Nessun rumore
        distrae la mente.
        La magia
        del silenzio
        che ti parla
        è unica.
        L'anima confusa
        ritrova la pace
        e riprende a volare.
        I sorrisi spenti
        tornano radiosi.
        I sogni accantonati
        si vestono di luce
        e di colori.
        Nel mio cuore
        c'è un universo.
        Ogni istante di vita
        è un volo infinito
        tra cielo e terra.
        L'orizzonte
        pennella l'anima
        di speranza.
        La melodia del silenzio
        nel suo magico incanto
        è respiro di vita vera.
        Composta venerdì 14 ottobre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Il naufragio

          Un giorno,
          se mi sarà concesso
          di uscire indenne
          da questa tempesta,
          io la racconterò.
          Vi narrerò il naufragio,
          di un'anima disperata,
          caduta in balia
          di onde impetuose.
          Vi narrerò le insidie
          la disperazione
          di chi vede la riva
          ma sente i flutti
          trascinarla giù,
          avvolgerla, risucchiarla
          come fossero spire
          d'un perfido serpente.
          Se mi sarà concesso,
          vi racconterò
          come mi sono salvata,
          come sono approdata
          su quella spiaggia
          luminosa e bella
          che aspettava solo me.
          Per ora la dipingo
          coi colori del cuore.
          Un angolo di Paradiso
          uno spicchio di cielo,
          tempestato di stelle.
          Se mi sarà concesso,
          narrerò il mio naufragio.
          Il volo di un'anima
          finalmente libera
          di spaziare nel blu
          d'un cielo dipinto
          di splendidi sogni
          e magiche promesse.
          Composta venerdì 14 ottobre 2016
          Vota la poesia: Commenta