Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: CINELLA MICCIANI

Ho imparato

Quante parole spese
per cantare un'amicizia
destinata a volar via
come sabbia al vento.
La pensavo unica
e speciale.
All'improvviso
s'è rivelata falsa
e bugiarda.
Ho imparato
ch'è facile illudersi.
Basta mettere l'anima
in ciò che fai.
Credere ciecamente
negli artisti
dell'inganno.
Dentro
si rompe qualcosa.
Fa così male
che non ti dai pace.
Rifiuti la falsità.
L'ipocrisia
è lama acuminata.
Ti ferisce la carne.
Niente calma il cuore.
Ho imparato
che le parole servono,
i fatti contano di più.
È la realtà
che pronuncia
le sentenze.
Io m'assolvo
e t'assolvo.
Ho imparato
ch'ho sbagliato io
a credere in te,
ma tu non hai vinto.
Io ho perso un'idea
vestita di menzogna.
Tu un cuore
fasciato di lealtà.
Leggiti dentro.
Interrogati
e se puoi perdonati.
Composta giovedì 17 novembre 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Ci sei tu

    Quante volte
    ti ho parlato
    in silenzio,
    frenando
    inutilmente
    le parole.
    Tu capisci
    con uno sguardo.
    Sai cogliere
    ogni sfumatura,
    un sorriso velato,
    una lacrima
    a stento trattenuta.
    Sei unico e speciale.
    Accanto a te
    cavalco l'onda
    delle emozioni vere.
    Non devo fingere,
    neppure chiedere.
    Ci sei tu
    ad intuire
    a comprendere
    a rimediare.
    Una gran parte
    di questa vita,
    spesso
    sospesa a un filo,
    ritrova forza in te.
    Ci sei tu
    a darmi la speranza
    a lenire la pena.
    La parte viva di me
    torna a lottare.
    S'aggrappa
    a quel filo di seta,
    beve le tue parole,
    stringe la tua mano
    e rivede la luce.
    Composta giovedì 17 novembre 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Angolo azzurro

      Cerco un angolo
      colmo d'azzurro
      per noi due.
      Che sia cielo
      o mare infinito
      non importa.
      Cerco un'oasi
      ove respirare
      profumo di vita.
      La tua assenza
      mi segna dentro
      ma il cuore
      non s'arrende
      alla tristezza.
      Nell'anima
      danzano a festa
      mille emozioni
      colorate
      d'immenso.
      Vivo attimi
      di magia.
      Istanti d'estasi.
      Fremiti d'infinito.
      Anche la vita
      ha il sapore
      di noi.
      Odo
      magici canti.
      Sento
      lievi carezze.
      Le tue mani
      mi sfiorano
      tenere.
      Stringo forte
      tra le braccia
      il pensiero di te.
      M'inondo
      di felicità.
      Respiro i colori
      dell'universo.
      Gioisco
      di pace
      di luce
      d'immenso.
      Composta giovedì 17 novembre 2016
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Solo noi

        Se t'avvicini
        e m'abbracci,
        solo noi sentiamo
        il profumo del mare
        quando la salsedine
        sfiora le narici
        e pizzica in gola.
        Se m'accarezzi
        e mi stringi a te,
        solo noi
        amore mio
        sentiamo rintoccare
        le campane a festa.
        Se mi sfiori
        tenero,
        solo noi
        vita mia
        sentiamo a pieno
        il profumo intenso
        del muschio
        e dei pini,
        il battere
        frenetico
        dei nostri cuori.
        Tu ed io
        soltanto.
        Solo noi
        amor mio
        insieme siamo
        riflessi di cielo
        respiri di vita.
        Composta giovedì 17 novembre 2016
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Dolce oblio

          Ci sono momenti
          nella vita
          che ricordi
          per sempre.
          Quando la mente
          si riposa,
          allenti il freno,
          rivivi le emozioni
          con la forza
          della prima volta,
          ma non è così.
          Il tempo
          lenisce le pene,
          attenua il rimpianto,
          guarisce le ferite.
          Questi momenti
          sono una risorsa
          che la vita ti dà.
          Tu li rivivi
          come un eco.
          Non ti dilaniano.
          Ti sfiorano solo
          e quel ricordo
          non fa male.
          È un'emozione
          cresciuta con te,
          cambiata nel tempo.
          Non più lama
          nella carne,
          solo esperienza,
          accettazione
          crescita
          dell'anima ferita.
          È un eco di pianto.
          Un sorriso soffuso.
          Una risorsa di vita.
          È un dolce oblio
          che la vita ti dà
          sul cammino
          della speranza.
          Composta giovedì 17 novembre 2016
          Vota la poesia: Commenta