Scritta da: CINELLA MICCIANI

A Gesù bambino

Caro Gesù Bambino
che ascolti sempre
grandi e piccini.
Non ho molto
da chiedere per me
anche se ci sarebbe
ma non è importante.
Sono nata a Natale
come sei nato TU.
Questo è già un regalo
che più bello non c'è.
Divido la festa con Te.
Una cosa ti chiedo
con tutto il mio cuore.
Manda un po' di pace
su questa povera terra.
Niente lotte, guerre.
Meno malattie
specie quelle rare
che nessuno sa sanare.
Fà che i bambini
vivano da bambini.
Tieni lontano da loro
ogni orco cattivo.
Cibo e amore per tutti
non sarebbe male,
un po' di gioia in più
nel cuore di tanti
che non sanno cosa sia
donare ed amare
senza chiedere in cambio
qualcosa da guadagnare.
Potrei continuare all'infinito
ma Tu, Gesù caro,
sai già tutto e allora
pensaci Tu col tuo amore.
Una cosa è importante.
Non lasciar fare a noi.
Ci mettiamo buona volontà
ma per la maggior parte
un risultato non si ha.
Cinella Micciani
Composta martedì 21 febbraio 2017
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: CINELLA MICCIANI

    Poco poco

    Una cosa ti chiedo.
    Non dirmi di no.
    Poco poco vorrei.
    Ascoltami.
    Sono mille le cose
    che potrei chiedere
    Credimi, mille e più
    ma non lo faccio.
    Non t'annoio
    con l'elenco pesante
    delle cose importanti
    che mi mancano
    importanti, vitali
    come l'aria che respiro.
    Poco poco vorrei.
    Sarebbe così prezioso
    così splendidamente
    unico e speciale
    che niente al mondo
    varrebbe più per me.
    Mi sei accanto solerte
    m'aiuti se ho bisogno,
    corri se ti chiamo
    non posso lamentarmi
    e non lo faccio.
    Sei così prezioso
    che solo la presenza
    riempie la mia vita.
    Quando non ci sei
    mi manca l'aria.
    E ti ringrazio tanto
    per essere così
    ma non mi basta.
    Poco poco vorrei.
    Poco poco di più.
    Per una volta sola
    seduto accanto a me
    guardami negli occhi
    stringi la mia mano
    e gridami col cuore
    amore mio, ti amo.
    Cinella Micciani
    Composta martedì 21 febbraio 2017
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: CINELLA MICCIANI

      Io sorriderò

      Lotterò
      con tutta la forza
      che c'è in me.
      Ogni giorno
      sarà
      un nuovo giorno.
      Un passo avanti
      verso la meta.
      È una promessa
      una fede
      incrollabile
      una speranza
      sempre viva
      sempre accesa.
      Lotterò
      col sorriso
      più bello
      senza lacrime
      o disperazione.
      Amo la Vita,
      dono unico
      e speciale.
      La terrò
      stretta a me,
      serrata
      nei miei pugni
      immenso
      bene prezioso.
      Lotterò
      sorretta, spronata
      da chi ama me.
      Un cielo azzurro,
      striato d'infinito,
      irradierà l'anima.
      Tutto brillerà.
      Ed io sorriderò.
      Cinella Micciani
      Composta martedì 21 febbraio 2017
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: CINELLA MICCIANI

        Poesia al cuore

        Ci sono momenti
        nella vita
        intrisi di poesia.
        Un gabbiano
        che spicca il volo
        un girasole
        che piega il capo,
        quasi un inchino
        al tuo passaggio.
        Un usignolo
        che gorgheggia
        e saltella sui fili
        ove una mamma
        ha steso il bucato.
        Il cuore s'accende
        al suono dolce
        di lenta campana.
        Una spina di grano
        bruciata dal sole
        si piega alle folate
        d'un vento tiepido.
        Alzo lo sguardo.
        Un aquilone
        come leggiadra
        farfalla
        sfugge alla mano
        del piccolo bimbo
        e s'alza in volo
        verso il cielo infinito.
        Ci sono momenti
        nella vita
        intrisi di poesia.
        Rallegrano il cuore.
        Indorano i silenzi
        irradiano l'anima.
        Una briciola è pane
        un respiro è anelito
        un cielo dipinto
        è tavolozza d'autore.
        Istanti d'amore
        Poesia pura al cuore.
        Cinella Micciani
        Composta martedì 21 febbraio 2017
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: CINELLA MICCIANI

          Il male non paga

          Ho un cuore grande
          buono, generoso
          ma fragile, inerme
          anche impotente
          se un essere umano
          vilmente mi ferisce
          conscio di farmi male.
          Il male è scelta
          ponderata.
          Se lo fai, sai di farlo.
          Non è cosa per me.
          Non lo concepisco.
          Non saprei farlo.
          Domande, perché.
          Niente mi spiega
          o dà risposte.
          Mi lambicco il cervello.
          Cerco una ragione.
          Amareggiata rinuncio.
          La Vita ci dà lezioni
          quotidiane.
          Forse qualcuno
          non s'applica
          o non se ne cura.
          Di sicuro è un piacere
          farlo a danno altrui.
          Il male non paga.
          Non dà profitto.
          Non porta vantaggi.
          Lascia nell'anima
          dei vuoti incolmabili.
          Angosce dilaganti.
          Baratri di disperazione
          che dilaniano l'anima.
          Inatteso, tardivo rimorso
          cui non poni rimedio.
          Vuoti di dolore, sconforto
          per chi sconta su di sé
          la malvagità altrui.
          Non ve ne gloriate.
          Il male non paga.
          Cinella Micciani
          Composta martedì 21 febbraio 2017
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di