Scritta da: beebeep74

Zitta... un momento

Fermati
e ascolta
non sei sola
avvolta nei miei caldi bisbigli
lasciati guidare nello sconfinato nulla
con fiducia e pazienza attraverseremo:
gelide pianure devastate
da esplosioni di urla incerte
tenebrosi boschi
pullulanti di dubbi fuorvianti
dirupi strapiombanti
su abissali paure
e mille altri ostacoli ancora
fino a ritrovare la luce del nostro cuore,
che celata dentro la fine di un sorriso,
dipinge morbidi arcobaleni.
Christian Mariotti
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di