Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Carmela Genduso

Siamo ombre

Siamo ombre
mi guardi con occhi tristi
mentre le labbra morbide
legano le parole allo sguardo
naufragano i sogni nella tristezza.
Mi parli, ti ascolto
il cuore è di nuovo prigioniero.
I giorni sognati
sembrano svanire.
Sarà ancora attesa fra le incertezze.
Quest'amore, amore mio
è l'approdo del mio cuore.
Quest'amore
si distende sulle onde
e con il suo desiderio ardente
attende
fra i rumori del mare
tra i silenzi dell'anima
attende.
Ascolto le tue parole
legando i miei pensieri muti
agli occhi miei tristi che
silenziosamente
svelano il rimpianto!
Siamo ombre
noi che da lontano
ci teniamo per mano
e a passi lenti...
camminiamo a fianco
nell'andare del tempo!
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carmela Genduso

    Dimmi

    Dimmi...
    Sulle ali di un sogno
    inseguendo un riflesso di luna,
    intreccio parole
    e mi perdo nei ricordi che...
    come onde si allontanano
    per poi tornare a riva
    e trascinarmi...
    nel mare della solitudine.
    Il silenzio raggela
    quest'anima in pena,
    le emozioni si sciolgono in lacrime...
    Sei qui con me... tra la mente e il cuore,
    ti guardo, vorrei fermare il tempo,
    affinché non sciupasse il tuo volto
    e gli occhi tuoi rimanessero pieni d'amore!
    Potessi io annodare i fili del destino!
    Mi legherei a te,
    anche per un solo attimo,
    abbandonarmi vorrei
    fra le tue braccia... alle tue carezze...
    e poi mi fermerei...
    per paura che sia troppo...
    un solo attimo...
    "Dimmi come tacere...
    come non violentare il silenzio,
    quando i ricordi si distendono sull'anima".
    Dimmi.
    Composta domenica 17 gennaio 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carmela Genduso

      Lungomare

      Sul lungomare della vita,
      il tempo scorre
      inesorabilmente.
      È quasi finito l'autunno,
      i suoi tramonti fra specchi d'acqua
      stanno lasciando
      l'azzurro cielo
      ormai quasi vuoto
      di voli di gabbiani.
      Già lembi di nuvole
      vagano all'orizzonte e
      sulla spiaggia.
      Si è fermato il tempo.
      Solo i sogni restano.
      Io
      con le ali ancora spiegate
      nel nulla
      in cerca di una ragione
      d'esistere.
      Inventerò nuovi tramonti dorati
      là dove si tuffa il sole
      tra onde e mare
      accarezzando gli scogli
      aspetterò
      il mio veliero fantasma
      una promessa al mio soffrire
      e sarà ancora amore
      sul lungomare della vita.
      Composta martedì 10 novembre 2015
      Vota la poesia: Commenta