Poesie di Carlo Gragnaniello

Nato a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione e in Proverbi.

Scritta da: Carlo Gragnaniello

L'Ignoto

Quel giorno sciupo e cupo
di un freddo e triste gennaio,
egli si spense per sempre,
l'ignoto emanò il suo ultimo
e fatale sospiro,
quel suo silenzio sembrava
il suo ultimo grido più forte,
la flora piangeva con le lacrime
di rugiada che essi avvolgevano,
quella rugiada limpida e innocente
fin a diventar preda dal dolore,
che in poco tempo avrebbe spezzato
il loro cuore.
Carlo Gragnaniello
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carlo Gragnaniello

    O Genitore

    Vago spesso nella mia memoria
    trovando una tua traiettoria

    scavando tra mille ricordi
    trovando tra i più balordi

    la tua perdita mi ha annegato
    nella più profonda tenebra della timidezza
    ma con il tempo essa è diventata fortezza

    Ò genitore la tua perdita è diventata dolore
    ma oggi è il calore del mio più caro cuore.
    Carlo Gragnaniello
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carlo Gragnaniello

      Italia Unita

      Il tuo stivale è la tua forma
      eccezzionale
      di cui infiamma il cuore del tuo
      popolo
      come se fosse un capriolo guardiano.

      Il tuo popolo ha voluto chiamarti italia
      è questa è la tua medaglia.
      La medaglia a te balia
      esaltando una storia
      con una grande gloria.

      Il tuo popolo ha lottato
      per secoli per la sua
      libertà
      facendo di te un popolo di unità.
      A Teano il tuo popolo fu unito,
      esaltando un mito infinito.
      Carlo Gragnaniello
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Carlo Gragnaniello

        Napule nun chiagnere

        Proprio tù che patite
        à famme,
        è carestie,
        è pene cchiù nere.
        Napule tù che senti à mancanza
        è totò,
        è eduardo,
        è massimo nun chiagnere.

        mò si è vero, si na napule che debole,
        tu chiagne p'sta gente indifferente,
        tu chiagne p'sta immondizia ch'rende
        à città cchiù schifosa rò munn.

        Napule ij t'cunosco, tu si forte
        si sempre stato forte nun chiagnere.

        Napule tu si comme pulecenella,
        chiagne, ride, beve, mangia
        si a napule ro solè, rò vesuvio.

        Napule ij t'voglio bene nun mollà
        po' ben re creature tojè.

        Napule nun chiagnere
        po' bene e sta gente e sta città

        Napule nun chiagnere.
        Carlo Gragnaniello
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di