Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Sir Jo Black
Hai mai guardato con quegl'occhi di rugiada l'autunno?
Il vermiglio odor di rami secchi e di foglie fugaci e fragili,
che, come infanti di vetro abbandonati da madri quasi eterne,
dondolano cullate da un sospiro di vento,
prima di morir in questo scenario di cemento?
Guarda l'autunno.
Ricorda i miei gesti che cadono nel vuoto.
Ora che con gli arti di vetro, in un suicidio di pensieri, attendo.
Attendo la fine.
Attendo la fine di questo dolore, che violenta le mie membra.
Composta venerdì 24 ottobre 2014
Vota la poesia: Commenta