Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Elisabetta

I ragazzacci

Mamma mia, che gran casino,
oggi in strada e nelle piazze,
han cominciato dar mattino,
a strillà e a sbatte tazze.

Era pieno de pischelli,
indignati e sorridenti,
perlopiù dei sbarbatelli,
ma ner cor pieni d'intenti.

Chissà che ci hanno ner cervello,
sarà la paura der domani,
slogan a iosa e in ritornello,
battendo er tempo con le mani.

Ma a quarcun questo nun piace:
er sol promesso nun s'oscura,
meglio er popolo che tace,
che 'na protesta de bambini... ma matura!

Padri, annate a ripiglialli,
co' l'elmetto e li bastoni,
stanno a fà un po' troppo i galli,
meglio voi già pecoroni!

Ecco allora che solerti,
parton militi obbedienti,
picchian duro sull'inerti,
spaccan teste e pure denti!

Ma il divino nun fa sconti,
e je prepara la fattura,
per la sera già pareggia i conti,
de 'sta giornata de tortura.

Quanno er padre torna a cena,
stanco toglie la divisa,
ma di fronte ci ha 'na scena,
che pe' 'n bel po' n'avrà più risa.

La moje piagne a più nun posso,
er figlio ci ha quattr'ossa rotte,
in piazza gli hanno dato addosso,
e in faccia de sangue è ancora rosso!

(Dedicato alle forze dell'ordine e ai loro figli oggi in piazza )
Composta venerdì 5 ottobre 2012
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    Gli esami di maturità

    Io dei miei ricordo poco,
    sai... trent' anni nun so' 'n gioco,
    pensavo solo a giocà a palla,
    l'importante era svangalla.

    Ma pe' te è differente,
    te sei 'mpegnata veramente,
    manca solo 'st'altro passo,
    pe' buttà i libri all' ammasso.

    Quindi, splendida creatura,
    lassa perde la paura,
    tu sei armata del sapere,
    questo sì ch'è 'n gran potere.

    Esci e va come a 'na festa,
    ... nun te sta a spaccà la testa,
    vedrai che a prova terminata,
    te farai 'na gran risata.

    Te vorrei sta lì vicino,
    nasconneme pur dentr' a 'n taschino,
    però sappi, dolce amore,
    che sto lì co' tutto er core!
    Composta mercoledì 22 giugno 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta

      Cacciamoli

      Si se caccia er clandestino,
      pensa un pò che gran casino,
      do' le trovi altre sante,
      disposte a fare la badante.
      Ar nonnino cagasotto,
      chi je mette le mani sotto,
      ar bambino viziatello, chi je canta "cicciobello".
      E poi oggi chi cucina,
      se n'è annata a filippina!
      Io le mani nun ce le metto, pe ste cose sò un inetto.
      Questa gente rispettiamo, E la fortuna ringraziamo: noi vivemo dentro a 'n sogno... mentre l' altro ci ha bisogno!
      Composta lunedì 20 giugno 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Elisabetta
        Da nun crede cio che accade,
        oggi un furbo s'è dimesso!
        è il rimorso che lo invade?
        nun riesco a trovà er nesso!

        Tutta colpa del mattone,
        dirimpetto ar Colosseo,
        chi pensava a un affarone,
        oggi puzza un po' de reo.

        Mò che c'entra questa nuova,
        non ci siamo abituati,
        ora questo rompe l'uova,
        questi esempi non van dati!

        E' un miracolo edilizio,
        che ci porterà all'inferno,
        se gli altri prenderan 'sto vizio,
        chi ce resta a 'sto governo?
        Composta venerdì 3 giugno 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Elisabetta

          Il giorno della memoria

          Er gran giorno è arrivato,
          penso appen me so' svegliato,
          fori er buio è ancor padrone,
          pronta è già la colazione,
          de gennaio è er ventisette,
          quattro frasi l'hanno dette,
          in memoria der supplizio,
          alla tele su un servizio.

          Ar poro babbo va er pensiero,
          oggi lui sarebbe fiero,
          era un bravo carpentiere,
          ma morì dentro ar cantiere,
          quanno soli ci ha lassati,
          furon tanti li commiati,
          pochi soldi in una busta,
          'na promessa e manco giusta.

          "- Cara mamma che ne dici...
          ... dopo tanti sacrifici",
          me da un bacio, io l'abbraccio,
          un soriso poi je faccio,
          ner vestimme ci ho gran cura,
          .... vojo fa' bella figura,
          "- Famme er nodo alla cravatta
          e nun ride,.... nun fa' la matta"

          Me so' appena diplomato,
          un lavoro ho già trovato,
          io so' sveglio questo è certo,
          ma per ora so' inesperto,
          ar call center oggi 'ncomincio,
          vado in centro, sotto ar Pincio
          nun è er massimo cui aspiro....
          ... ma co' quello che c'è in giro.

          E' 'na lunga traversata,
          pe' arriva' dalla borgata,
          più de 'n' ora co' li mezzi,
          e ci ho lo scooter che sta a pezzi,
          'n antro mese e je do foco,
          e paganno poco a poco,
          uno novo io l'acquisto:
          ar negozio già l' ho visto!

          A Piramide so' sceso,
          n'antro bus da lì ho preso,
          a Porta San Paolo sur piazzale,
          'na vecchietta lenta sale,
          c' è 'na targa sullo sfondo,
          serve a ricordare ar mondo,
          "Qui so' morti i partigiani,
          pe' principi ancora sani!"

          Me so' accorto fuor dar vetro,
          che so'giunto ormai a San Pietro,
          nun ce passo da 'na vita,
          pare quasi de sta' in gita,
          quasi in fronte, dirimpetto,
          me compare pure er Ghetto,
          pe' la strada un gran fermento,
          vedo tanto movimento.


          Maledetto fu er dominio,
          che commise l' abominio,
          oggi er fascio se ne pente,
          ma chi sa se dentro mente?
          pure er Papa e er Vicariato,
          a quer tempo han peccato,
          proteggennose er potere,
          preferirono tacere.

          Come fai a nun pensacce,
          ricordanno quelle facce,
          i volti scarni dei bambini,
          mentre ridon l' aguzzini,
          dentro i lager sterminati,
          dopo esse stati sfruttati,
          a le donne violentate,
          per camino poi passate.


          Finalmente so' arrivato,
          er capello ho sistemato,
          er portiere mi indirizza,
          mentre sta a magnà la pizza,
          suono e m'apre 'na pischella,
          penso "Ammazza quant'è bella"
          se il buongiorno così viene,
          cominciamo proprio bene!

          "-Me dispiace... deve attende,
          er dottore adesso scende,
          ci ha da fa'.... è indaffarato
          cor vestito che ha ordinato,
          der rabbino lui è er figlio
          ... conta pure ner consiglio"
          son sorpreso devo ammette
          mentre sbircio le sue tette


          M'arigiro ner salone,
          soffocanno l'emozione,
          gran silenzio tutt' attorno,
          grossi quadri pe' contorno,
          passa sol quarche minuto,
          e dall'attico è venuto,
          della piega un po' se lagna,
          acconciato in pompa magna.


          Me se squadra da lontano,
          e me saluta co' la mano,
          "- Tu sei er fijo de Pasqualina
          che serviva mi' cuggina,
          qui da noi sei er benvenuto,
          .... quanno posso da' un aiuto,
          scusa ma vado de fretta,
          ci ho l'autista che m'aspetta"

          Manco er tempo de un istante,
          e se trova già distante,
          aritorna la ragazza,
          dal balcone guarda in piazza.
          "- Finalmente se n'è annato",
          dalla bocca gli esce un fiato,
          dell' ufficio je domanno,
          le sue chiappe riguardanno,


          "- Che hai capito, giovanotto,
          devi d'ariscenne sotto,
          proprio sotto ar portierato,
          c'è sta un grosso scantinato,
          scenni e chiedi de Emiliano,
          lui tra tutti è er più anziano,
          quer che dice ascorta bene,
          ... a sbagliasse nun conviene"


          Quanno arrivo e me presento,
          ce ne stanno n'antri cento,
          pe' finestra un lucernaio,
          sembra peggio de un pollaio,
          tanta muffa e cartapesta,
          c'è 'na puzza che t'appesta,
          co' li gomiti attaccati,
          sembran quasi incatenati.

          Attaccato sur cemento,
          leggo il regolamento:
          "Tieni a mente 'ste parole,
          er padrone questo vole:
          co' l'orario sii puntuale,
          è proibito de sta' male,
          se t'assenti nun te pago,
          è vietato ogni svago,

          er prodotto conteggiamo,
          solo questo te pagamo,
          pe' magna' ci hai un quarto d'ora,
          de un minuto nun se sfora,
          chiudi almeno sei contratti,
          o sei fori da li' patti,
          de cacciatte nun me frega
          pronto è un antro che me prega"

          So' assalito dar disgusto,
          "- Tutto questo nun è giusto!"
          a che serve la memoria
          se n' impari dalla storia
          qui a Roma come in Cina
          ancor peggio in Palestina
          der giudeo è la vendetta
          e 'na parte a me mi spetta!

          Ma che dico, così sbaglio,
          stavo pe' pija' un abbaglio,
          niente c'entra la sua razza,
          er sopruso solo impazza,
          E' L' UMANO CHE E' BASTARDO,
          lo diceva zio Riccardo,
          la monnezza vien bruciata,
          tale e quale ricreata!
          Composta venerdì 28 gennaio 2011
          Vota la poesia: Commenta