Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Bruno Panuccio

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi.

Scritta da: Elisabetta

Ncontro Gheddafi-Berlusconi

Pe'Gheddafi e il suo metano,
organizzo 'na gran festa,
mi trasformo in mussulmano,
col turbante sulla testa.

Pe' 'l piacere der tiranno,
organizzo tutto bene,
le veline già lo sanno,
giocheranno col suo pene.

Nell'incontri tra statisti,
come a Putin mio amichetto,
vecchi giochi ma mai tristi,
je faranno er servizietto.

De Viagra 'n par de chili,
letti grandi esagerati,
famo 'n poco li servili,
guadagnanno sull'asili.

E c'è er fine a tutto questo,
basta ave' l'occhi da falchi,
riusciremo cor pretesto,
a limità de più li sbarchi.

Er migrante clandestino,
che j'arriva dar deserto,
ancor più nero avrà il destino,
je spareranno in cielo aperto!
Composta giovedì 26 agosto 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisabetta

    I ragazzacci

    Mamma mia, che gran casino,
    oggi in strada e nelle piazze,
    han cominciato dar mattino,
    a strillà e a sbatte tazze.

    Era pieno de pischelli,
    indignati e sorridenti,
    perlopiù dei sbarbatelli,
    ma ner cor pieni d'intenti.

    Chissà che ci hanno ner cervello,
    sarà la paura der domani,
    slogan a iosa e in ritornello,
    battendo er tempo con le mani.

    Ma a quarcun questo nun piace:
    er sol promesso nun s'oscura,
    meglio er popolo che tace,
    che 'na protesta de bambini... ma matura!

    Padri, annate a ripiglialli,
    co' l'elmetto e li bastoni,
    stanno a fà un po' troppo i galli,
    meglio voi già pecoroni!

    Ecco allora che solerti,
    parton militi obbedienti,
    picchian duro sull'inerti,
    spaccan teste e pure denti!

    Ma il divino nun fa sconti,
    e je prepara la fattura,
    per la sera già pareggia i conti,
    de 'sta giornata de tortura.

    Quanno er padre torna a cena,
    stanco toglie la divisa,
    ma di fronte ci ha 'na scena,
    che pe' 'n bel po' n'avrà più risa.

    La moje piagne a più nun posso,
    er figlio ci ha quattr'ossa rotte,
    in piazza gli hanno dato addosso,
    e in faccia de sangue è ancora rosso!

    (Dedicato alle forze dell'ordine e ai loro figli oggi in piazza )
    Composta venerdì 5 ottobre 2012
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Elisabetta
      S'avvicina er gran momento,
      so' arrivate le elezioni,
      ce sta in
      giro un gran fermento,
      rafforziam le posizioni.

      'Sto governo è 'na schifezza,
      ar
      ventennio siam tornati,
      quel che emana è na monnezza,
      della qual
      ci siam stufati.

      Famo tutti opposizione,
      damo er voto
      all'altra parte,
      vedi un po' che 'sto scossone,
      arimescoli le
      carte.

      Chiamo pure chi s'astiene,
      e ne conosco le ragioni,

      ma stavolta forse è bene,
      daje er voto a 'sti cojoni.

      Nun
      lo faccio pe' fiducia,
      troppe volte m'han tradito,
      la ferita
      sempre brucia,
      a chi credeva ner partito.

      E' legittima difesa
      p'er presente e p'er futuro,
      pe' qualcun sarà 'n' offesa
      ma er
      momento è proprio scuro!
      Vota la poesia: Commenta