Scritta da: Carlo Schiavini

Oggi vorrei

Sfiorare il tuo dolce viso
con un dito e sussurrarti quanto sei dolce...
posare le mie labbra sulle tue
in un sussurrato... ti amo.
Perdermi nei tuoi occhi e
regalarti la luce che hai
posato nel mio cuore.
Vorrei...
che la vita non avesse fine
per averti ogni giorno accanto...
che non ci fosse mai il sole
per poterti riscaldare con il mio amore.
Vorrei...
che la brina cadesse al mattino su te
per asciugarti la pelle con le labbra.
Vorrei...
sempre il vento alle tue spalle
per nutrirmi del tuo profumo
Vorrei... te...
oggi vorrei te accanto a me.
Boypoe (Carlo Schiavini)
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Carlo Schiavini

    Conchiglia bianca

    Aisha ha tra le mani una piccola conchiglia bianca
    in quel campo trascina le gambine con aria stanca
    i suoi capelli neri dolcemente cullati dal vento
    avanza verso quel soldato con in mano una carta d'argento
    un pezzo di cioccolato in cambio di una conchiglia ed un sorriso
    per poi giocare e scherzare del marrone disegnato sul suo viso
    sa dove trovarmi non posso uscire allo scoperto
    come sempre in silenzio le dono il mio sorriso aperto
    guardo attorno ma niente si muove, tutto tace
    è un giorno strano, azzurro cielo e sole, sembra un giorno di pace
    Aisha sa che in questo uomo c'è il cuore di un bambino
    non è nuovo tra noi giocare a nascondino
    ma lei non esce, non si vede per un tempo che sembra eterno
    solo allora sotto quel cielo lungo la mia schiena sento un gelido inverno
    corro per il campo verso l'ultima visione
    sento in me una brutta sensazione
    e quel che vedo è qualcosa di glaciale
    il suo ultimo respiro nello spasimo finale
    apro la manina di quella che potrebbe essere mia figlia
    ...di lei mi resta solo... una bianca conchiglia.
    Boypoe (Carlo Schiavini)
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Carlo Schiavini

      Ciò che rimane

      Corpo mai eterno,
      futuro di cenere al vento...
      lacrime secche
      su piastrelle di ceramica,
      lacrime un giorno cadute
      da occhi che a lungo
      han sognato...
      amato...
      bramato...
      occhi ora orbite vuote
      un tempo accesi per te.
      Cuore secco...
      secco cuore...
      inerte...
      perdente...
      un giorno vibrante...
      urlante...
      morente d'amore per te.

      Ora silenzi...
      silenzi...
      silenzio non è quel che temo...
      è ciò che rimane di me.
      Boypoe (Carlo Schiavini)
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Carlo Schiavini

        Per te

        Le tue labbra sulle mie...
        si perdono i nostri respiri
        mentre le dita accarezzano
        i tuoi campi rosei,
        solcano il tuo corpo...
        ed i fremiti si uniscono
        tra le nostre labbra.
        Baci delicati...
        baci appassionati...
        che si perdono tra i tuoi seni
        risalgo verso il tuo viso...
        pelle contro pelle
        il mio cuore preme sul tuo seno
        il desiderio si fa strada in te
        ...in noi.
        Amarti dolcemente...
        guardare i tuoi occhi...
        socchiusi nel piacere.
        Dolcemente muoio in te
        mentre i movimenti si attenuano...
        io muoio dentro te
        e tra le nostre labbra umide
        e allacciate di desiderio...
        si perde l'ultimo respiro
        di un dolce sogno...
        una carezza sul viso...
        ed è mattina.
        Una nuova luce...
        e di nuovo noi.
        Boypoe (Carlo Schiavini)
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Carlo Schiavini

          Aisha

          Entro in quel caseggiato in costruzione dove fino al giorno prima aveva vissuto Aisha, tutto è ricoperto di polvere, calcinacci... niente vetri alle finestre, il fumo dei colpi di mortaio aleggia ancora nell'aria impregnando la stanza. A terra una coperta a quadri... una coperta di lana dove fino a poche ore prima lei ranicchiata nascondeva il viso, copriva le orecchie cercando di non udire il rumore dei colpi giù nel viale.
          "Aisha ha sete!"
          "No, Aisha non ha più sete!"
          Nell'angolo più nascosto una vecchia cassetta per la frutta, al suo interno alcune foto, foto di momenti felici... poso a terra il mio semiautomatico e frugo tra quelle foto, vedo visi sorridenti, Aisha che ride, che corre. L'atmosfera che sento nell'aria è quella di un tempo che si è fermato, un tempo che non tornerà mai più.
          "Aisha ha freddo!"
          "No, Aisha non ha più freddo!"
          Rumore nel viale di sotto, passi che corrono, motori di camionette tirati al massimo, penso ad Aisha... chissà quante volte il suo piccolo cuore hà tremato a questi suoni... chissà quante lacrime si sono asciugate sù quella coperta... percorro lentamente a piccoli passi i pochi metri che mi separano dalla finestra... nuvolette di polvere sotto i miei anfibi.
          "Aisha prega!"
          "No, Aisha non crede più!"
          Guardo fuori, un cielo grigio anche se c'è il sole... un cielo che Aisha ha visto poche volte vestirsi d'azzurro... un cielo vissuto poche volte grigio... fumo... ombre e sagome... sul tetto di fronte un riflesso... un mirino... un cerchietto sulla mia fronte
          "Aisha sta aspettando!"
          "Si... Aisha... arrivo!"
          Boypoe (Carlo Schiavini)
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di