Scritta da: Blondgirl Sweet

Mantide

Fragore straziante d'un gabbiano
dal libero librarsi annientato da
un'effimera divergenza
di rievocazioni.

Mine vaganti fra le inerti membra,
voci soffocate dall'inquieto
meandro ondoso di
ombre ormai sfiorite.

Delirio d'una mantide dagli occhi
corvini, profetica visione
d'una clessidra disfatta
che tace in mezzo all'onde.
Blondgirl Sweet
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Blondgirl Sweet

    Inizio

    Silenzio, ascoltami, i miei sussurri sono labili come il vento.
    Vestimi di note, di voci e dopo... ancora di silenzi.
    Strilla questo tempo che non conosce quiete, docil dimora di aneliti dispersi.
    Sogno di te, Notturno, Chopin. Spargi lento il dolce odore di rugiada.
    Osserva il mio pensiero, egoista incantatore.
    Sono quì, grillo parlante.
    Un Si bemolle un Fa diesis. Cantami allora, perché io non posso.
    Nella notte, fra le stelle e dopo... ancora in mezzo ai campi.
    Suonami, arpa dalle mille corde. Suona questo canto di sirena.
    Ulisse, aspetta, sono qui... fra invisibili onde.
    Oltremare, oltreterra, oltrecielo, oltrete.
    Bagna queste parole d'inchiostro,
    prima che il tempo ingiallisca le pagine.
    Blondgirl Sweet
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Blondgirl Sweet

      Costellazioni

      Odo il tuo respiro confondersi
      fra i silenzi della sabbia.
      Odo la tua voce disperdersi
      fra i sussurri delle onde.
      Odo i lenti fruscii della
      brezza sfiorarmi la pelle.
      Dovunque io sia tu giaci sempre lì
      fra i sentieri di quel manto lucente.
      Intorno mondi si devastano,
      vite si infrangono,
      ed Universi si ergono.
      Brilla, Brilla incessantemente.
      Splendi di vita, splendi di gioia,
      splendi d'Amore.
      Sul tuo cielo a volte
      si posa la rugiada.
      Piccole candide
      impalpabili gocce
      lo costellano.
      Pure come solo un
      cuore sa esserlo.
      Non capisci cosa stia
      accadendo in quel mondo
      così confuso... ma
      No, no smetterai mai
      di irradiarmi della tua lucentezza.
      Tu non hai menti con le
      quali lottare,
      non hai ferite da risanare,
      né timori da sopperire.
      Brillerai fin quando
      destino si compirà.
      Grida, urla, scalpita
      fallo fino a sentire
      le gambe cedere.
      Non nasconderti,
      non aver timore di dissolverti
      in quell'oscuro essere.
      Portami con te.
      Portami in quel mondo
      dove i sogni
      risplendono d'infinito...
      Fammi volare...
      So che puoi farlo...
      Blondgirl Sweet
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Blondgirl Sweet

        Una nuova alba

        Tum, Tum, Tum.
        Note disordinate si rincorrono,
        sfuggono all'ovvietà.
        Solcano silenziose
        un unico pentagramma.
        Tum, Tum, Tum.
        Battito lento,
        maratona di cuori
        in corsa verso l'indefinito.
        Tum, Tum, Tum.
        Lo ascolto,
        scorre nelle vene.
        Pulsa di vita.
        È lui, ne sono certa.
        Tum, Tum, Tum.
        Una nuova alba
        rischiara le buie notti.
        Un nuovo giorno
        si dilegua lungo
        un unico sentiero.
        Tum, Tum, Tum...
        La mia stella si
        avvicina...
        Chissà se riuscirò
        a coglierla.
        Blondgirl Sweet
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Blondgirl Sweet

          Adesso

          Vorrei sentire la tua mano
          stringere la mia,
          il tuo calore
          invadere il mio corpo.
          Vorrei farmi accarezzare
          dalle tue parole,
          vere come soltanto la vita sa essere.
          Tu che hai sempre saputo.
          Tu che hai indirizzato il mio cuore verso quell'arduo sentiero.
          Tu che conosci ogni singolo scorcio
          del mio mondo fatato.
          L'amore mi ha viziata per poi infliggermi un dolore troppo
          pesante da sopportare.
          Sono passati 9 mesi
          ed il suo nome è ancoa vivo in me.
          "Ognuno è padrone del suo essere",
          mi dicesti una volta.
          "Il destino non esiste".
          Ogni singolo attimo della nostra esistenza ha un fine.
          Ti ho ascoltata ma...
          Non sono brava a credere a me stessa. Lo sai.
          Preferisco affidarmi a qualcosa
          di inesistente.
          Forse così non potrò incolparmi.
          Le mie ali sono state spezzate.
          Il mio sangue prosciugato.
          Il mio cuore frantumato.
          Sono passati 9 mesi
          ed il suo nome accenna a svanire.
          Qualcuno silenziosamente
          si fa spazio in me.
          Credo di conoscerlo da sempre,
          eppure so ben poco.
          È sopraggiunto senza preavviso,
          come le tempeste nei mesi estivi.
          Qualcosa cambierà.
          Tu lo sai. Io lo so.
          Ma probabilmente non riesco
          ad accettarlo...
          L'uomo non accetta facilmente.
          Svia. Preferisce le scorciatoie.
          Non ama le guerre.
          Credo, ma allo stesso tempo
          mi convinco che è tutto inutile.
          A volte il mio viso s'illumina mentre l'istante dopo si bagna.
          Controsensi... il sale del mio vivere.
          Nulla è razionale a questo mondo. Nemmeno noi.
          Vorrei avere il coraggio di Amare. Adesso.
          Blondgirl Sweet
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di