Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Barbara Brussa

Nato martedì 7 luglio 1970 a Venezia (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Barbara Brussa

Oltre i confini

In una tremula stella d'argento
che ti fa l'occhiolino

In una luna selvaggia
che strappando veli di nubi
a te si offre
con teneri baci
e languide carezze notturne

Nell'impietoso urlo del vento
che risoluto ti sfida
facendo tremare la tua coscienza

In una foglia
che danza nel tuo vuoto
disegnando petali di speranza

In un granello di sabbia
Incastrato fra le dita
aggrappato alla sua Vita

Fra le onde dell'Oceano
che gonfiano il petto
e sospirano pensierose

Lì, e ovunque guarderai
mi troverai
Giacché l'Amore trasforma
per congiungere due anime affini
Saremo un'unica orma oltre i confini

E in riva al mare dei sogni tuoi
una voce d'angelo ti canterà
la tua Favola d'Amore
e di Libertà.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Barbara Brussa

    A volte ritornano

    Ritornano, visioni di aquiloni
    fili di sogni stretti in pugno
    che tracciavano immagini di un dolce destino
    nel cielo terso riflesso in occhi di bambino

    Ritornano, pensieri nitidi
    di obiettivi solo col tempo sfocati

    Ritornano, come fantasmi fanciulli
    le piccole mani che osavano credere
    di tenere in pugno l'immenso

    e quello stravagante senso di immortalità
    che il filo sottile della gioventù aveva cucito
    stretto intorno all'incoscienza del vivere

    Ritornano in branco, a dirti
    che s'erano sbagliati o che avevano solo giocato
    Amavano ridere con te, per poi un giorno
    ridere di te

    ma "tu" non ci sei più, trovano le rughe del vissuto
    a rispondere che
    ormai sanno che i fili li tiene
    in mano qualcun altro;
    che il destino ha ceduto la dolcezza
    per vestirsi di capriccio:
    vanitoso e crudele; solo quando s'addormenta
    puoi sfilargli un sogno dalle tasche
    e tenerlo stretto a te

    fin quando non verrà a recuperarlo
    strappandotelo dal cuore
    Terribile vendetta

    Ma la saggezza delle rughe dice anche che
    se hai già fatto di un sogno magica realtà
    il destino dovrà arrendersi, consapevole che
    solo tornando insieme alla morte
    se lo potrà davvero riprendere.

    Forse.
    Composta mercoledì 31 marzo 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Barbara Brussa
      Mi vesto di tempo,
      mi siedo sulle ali della pazienza...
      Mi costa fatica, l'attesa mi strazia ma, da sempre, quando non so che strada imboccare, mi siedo e aspetto.

      Aspetto che la rabbia si freddi. Quella pietra, che ero già pronta
      a metterci sopra, la scanso un po' perché non si può mettere una pietra sopra a qualcosa che arde e brucia ancora...

      Aspetto, e osservo il suo lento mutare.
      Si spegnerà definitivamente,
      in una straziante agonìa,
      o un alito di vento le darà
      una nuova energia.

      Aspetto che la nebbia svanisca, permettendomi di vedere oltre.
      Paradiso o Inferno,
      questo non conta più.
      La nitidezza del paesaggio
      è ciò che vado cercando!

      Aspetto una voce che mi parli
      e che mi indichi la via.
      La voce del cuore e quella della ragione...
      Le lascerò fare a pugni,
      se necessario,
      e che vinca la migliore!
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Barbara Brussa

        Il tocco delle tue labbra

        S'intrecciano i respiri,
        in unico soffio di passione.
        Cavalcando labbra giunte,
        varchiamo i confini della carne,
        spalancando le porte dell'Eden.

        Il tocco della tua bocca
        sulla mia
        fa tremare la notte.

        Un brivido infinito
        squarcia il buio,
        e noi
        fusi in un quartetto di labbra
        ad occhi chiusi, sentiamo
        nascere l'alba.
        Composta mercoledì 9 aprile 2014
        Vota la poesia: Commenta