Poesie di Assunta Caruso

Studentessa di Filosofia, nato martedì 9 agosto 1988 a Napoli (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Frasi per ogni occasione.

Vota la poesia: Commenta
    Vota la poesia: Commenta
      Vota la poesia: Commenta

        Ricordi

        Le maschere si sciolgono
        nei silenzi dei nostri occhi
        che piangono sangue
        di parole ferite
        dall'ingenuo amore
        dei tempi passati:

        i corpi intrecciati tra le lenzuola
        di finta indifferenza,
        bagnati da gelidi pensieri
        di un futuro da affrontare,
        graffiati da scelte imperfette
        riflesse dall'amaro del nostro destino.

        Avvolti per un attimo,
        nell'illusione
        dell'immutabile,
        noi due,
        soli,
        Noi.

        Il volto ormai nudo veste
        di grigi respiri tremanti
        che dipingono nel vento,
        che oggi c'avvolge,
        il desiderio eternato
        dalle cicatrici dei ricordi:

        Specchi della paura che ci lasciò scivolare
        nel rimpianto di uno sbaglio
        rendendoci attori di una vita
        che non è più stata nostra
        riducendoci ad esseri
        senz'anima.

        Ma adesso le nostre maschere
        si sciolgono ai battiti
        degli animi desiderosi
        che al bacio delle nostre voci
        sembrano risvegliati
        dal sogno di un amore
        mai dimenticato.
        Assunta Caruso
        Vota la poesia: Commenta

          Come fuoco nel mare

          D'un tratto,
          il tuo amore si è liberato inspiegabilmente dell'anima mia.
          Ero nel cielo ed ho perso le ali cosa farò?
          Passano i giorni,
          non cambiano i sogni, tu non sparisci dalla mia mente...
          Sei l'unica fame,
          l'unica sete che ho sempre avuto.
          Devo dimenticarti...
          ci riuscirò?
          Adesso no, non ancora.
          Dal tuo ricordo non posso scappare,
          e anche se l'aria mi basta appena... non posso cancellarti.
          Puoi lasciarmi almeno sognare che ti rivedrò?
          Voglio restare nel buio a guardare e pensare che
          se bastasse la volontà a cambiare la realtà, in questo momento staremo ancora volando.
          Il tempo passa... ce la farò, ti spegnerò!
          Con il tempo ci riuscirò, forse... ma adesso no.
          Assunta Caruso
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di