Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Ardith

Amore mio

Mia fraterna amica:
purissima donzella,
compagna di giochi.
Mano nella mano
camminiamo per i
sentieri verdeggianti
del bosco.
Il mio cuore è mutato
non vedo più la
sorella ma la dama
che lei è diventata:
i suoi seni pieni,
le sue lunghe gambe,
le sue leggiadre curve.
In lontananza si odono
le campane di St. Andrews,
gli uccellini si uniscono
festosi al mistico scampanar.
Circondati da alberi di
lussureggianti conifere,
tu mi sorprendi... ti denudi.
La mia virilità scalpita
dolorosamente.
Rispettoso ti rivesto,
amore mio.
Dolcemente ti sussurro:
"Prima ti sposo davanti a Dio".
Composta giovedì 21 giugno 2012
Vota la poesia: Commenta