Questo sito contribuisce alla audience di

Alla luna

Luna, cosa t'hanno fatto...
Bandiere e orme
appena fossi un clown.
Hanno rubato sabbia, sassi e sogni;
potevano, in gabbia, adesso in uno zoo,
o accanto ad un falò senza il tuo cielo.
Un tempo nutrice dolce degli artisti,
mammelle colme di versi e di leggende:
orride, piccanti e misteriose,
specchio di donne, bagliori di bellezze.
E come tale riscaldi a modo tuo.
Dispensi lacrime e partorisci amori
colori gli iridi di chi ti sa guardare...
Ciascuno col suo nodo al fazzoletto,
per ricordare cosa t'hanno fatto.
Vota la poesia: Commenta

    La fimmina

    China di virtù e di difetti
    la po' pigghiari pi lu versu giustu,
    si la vasata e li tò sacchetti
    sunnu comu un ritrattu a mezzu bustu.
    Sapi chi l'omu n'avi di bisognu
    pi amuri, pi lu pacchiu e sirvimentu
    ti strica li spaddri
    si ti fa lu bagnu
    e la notti, di la so vucca,
    duci lamentu.
    Po' esseri vecchia,
    mizzana o picciutteddra
    Ma c'è pocu da fari quannu è beddra.
    Curiusa ma ti runa lu so amuri,
    e spissu l'omu lassa la vasteddra.
    Ti porta n'ta stu munnu cu duluri
    e la sò minna, ti la metti m'ucca
    pì quantu t'è concessu di campari.
    La fimmina è chissa
    n'un si iapi vucca.
    Amu chi brilla s'un ci metti l'isca,
    chi s'iddra voli
    ti sputa e po' t'ammucca:
    ammatula curriri chi ti veni a pisca.
    Ma pi l'amuri, pì la sò devozioni,
    pì tornacuntu o chiddru chi s'ammisca,
    la trovi sula cu li tribolazioni.
    E niatri masculi cu la canna n'manu
    vulissimu piscari nà balena
    quannu chi semu pisci di tianu.
    Onesta o buttana: nuddru lu po' diri.
    Mancu lu preti trantu comu un sceccu
    chi cu la tonaca stessa
    si la disìa ficcari.
    E nuddru po' diri
    o si po' diri beccu,
    chì, comu di niatri,
    si voli arrassari
    pari a li nutrica
    chiancemu di duluri.
    Vota la poesia: Commenta