Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Lasciami sparire

Non mi guardare
non mi pensare
non mi sussurrare
non mi dire addio
non mi dire ciao
lasciami sparire piano
allontana il tuo cuore dal mio
allontana la tua vita dalla mia
allontana l'orgoglio da me
parla di te e distruggi
l'innocenza che c'è nei tuoi occhi
ammira la violenza
e colpiscimi forte
non mi dire ti amo
perché ho paura
non mi dire ti voglio
perché il mio cuore non sopporta
dimmi ti odio per favore
dimmi che mi odi
fammi morire e togli
l'amore dalle mie mani
cancella la verità
accetta la falsità e
santificà cosa sono
non dimenticare la sofferenza
che ti ho procurato
e cancellami dalla tua vita
subito senza che me ne accorga.
Composta martedì 29 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Vado giù

    Ho navigato nel mare
    ho perso un tramonto
    ho incontrato la solitudine
    mentre l'ombra del cielo
    non mi veniva più addosso
    guardando la luna
    chinai la testa e
    sprofondai nell'abisso
    della mia follia.
    Ho cercato la salvezza in un abbraccio
    in un saluto
    in un sospiro
    ma niente
    la mia anima vagava
    in un mondo che non era più suo
    volevo gridare, piangere, chiedere aiuto
    ma decisi di cadere
    cadere giù dove non cresce niente
    dove non arriva nemmeno il sole
    dove la pioggia a paura d'entrare.
    Restai li persi ogni logica
    ogni amore, conobbi la sofferenza
    in quell'inferno e niente senbrava più bello.
    Composta martedì 29 dicembre 2009
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Mentre il cielo non guarda

      Rubo una nuvola
      cado nel limbo
      rimpiango il sole
      e battezzo la luna
      dov'è la sofferenza che tanto ho sperato,
      dov'è la paura che tento mi allegra,
      dov'è la speranza che mi spaventa,
      dov'è il sentimento che mi sconvolge,
      dov'è quell'amore che mi fa piangere e soffocare.
      Mentre la sera piangeva
      io con il giorno ridevo,
      la luce della stella più luminosa
      si spegneva in quel fuoco d'odio,
      correvo nel mare
      scavalcavo montagne e fiumi
      ho ucciso sogni e desideri
      ho torturato l'alba
      e ho fatto un giro nell'inferno e
      mentre il mondo giudicava
      ed io li immobile a lottare nel vento
      giocai con il mare e annegai.
      Mentre annegai imparai che
      il cielo nn guarda se non viene ascoltato.
      Composta domenica 27 dicembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        L'amore che ti fotte

        Profumavi d'amore e con
        l'amore che respiravi,
        l'amore che donavi,
        l'amore che ti faceva male,
        l'amore che ti diceva no,
        l'amore che ti riscaldava,
        l'amore che ti rendeva incosciente,
        l'amore che ti faceva odiare,
        l'amore che ti faceva sperare,
        l'amore che ti faceva vivere,
        l'amore che ti ha portato via dalla vita mia.
        Quell'amore mi ha fottuto il cuore
        quell'amore si è perso tra le stelle
        quell'amore è volato al cielo
        con te.
        Composta lunedì 21 dicembre 2009
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Solo con il mare

          Paura, amore e felicità: sono solo.
          Sono solo con la paura di vivire
          ma non di morire sono sempre solo.
          Sono solo quando abbraccio le mie stelle
          sono solo quando il mondo piange
          sono solo quando penso di farla finita
          sono solo quando regalo il cuore al cielo
          sono solo quando il sole non mi riscalda più
          sono solo quando soffro
          sono solo quando il vento mi porta via
          sono solo quando vengo deluso
          sono solo quando l'orgoglio non mi perdona
          sono solo quando osservo il mare.
          Mare fammi morire nel tuo regno immenso
          la paura fortifica,
          l'amore rende ingenui,
          la felicità rende cechi.
          La solitudine mi porta nel mare.
          Composta sabato 19 dicembre 2009
          Vota la poesia: Commenta