Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Non so chi sono

Non so più chi sono
Non si muore di ricordi
Si muore di speranze non cercate
Forse sono il vento che rincorre i miei sogni
Forse sono quell'onda che si scontra contro i miei sentimenti
Forse sono il fuoco che brucia nel mio sangue
Forse sono quel fulmine che uccise quell'orgoglio del cazzo
Forse sono la guerra che vive nella mia dannata esistenza
Forse sono il paradiso che chiuse le porte al mio inferno
Forse sono quell'angelo che si perse nelle tenebre
Oggi so chi non sono
Oggi mi godo questo dolore
Forse finirà la mia punizione
Forse l'ombra del cielo mi prenderà con se
Forse saluterò le mie stelle
Anche il niente vive nel presente
Ho perso il mio sorriso nelle colline del paradiso.
Antonio Prencipe
Composta mercoledì 19 maggio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Dimenticare

    Avanti per questa via maledetta
    Avanti per una verità che mi uccide
    Avanti per una strada senza orizzonti
    Avanti per questa vita senza età
    sesso senza amore
    fumare per sentirsi bene
    tatuaggi e piercing per sentirsi più forti
    ora dico basta
    ora chino la testa
    ora mando a fan culo quel cielo bastardo
    troppe stelle ho fatto cadere
    troppo sangue
    troppo amore ho gettato via,
    Voglio quell'invito
    voglio dimenticare ai bordi del cielo
    voglio dimenticare
    il sesso, le stanze d'albergo, l'amore, l'odio, le notti, il vino, le albe
    le ombre, gli scherzi, le foglie, le luci, i giorni, i sogni
    l'orgoglio
    Grazie per aver frantumato il mio cuore
    ora quel raggio di sole riesce ad entrare
    Guardo avanti.
    Accarezzo l'oblio e
    sparisco nel paradiso.
    Antonio Prencipe
    Composta venerdì 14 maggio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Dannato diluvio

      Fuoco e realtà,
      non ho più nulla
      pioggia e argento cadono su di me
      oro e sangue sulla mia pelle
      niente mi resta e niente mi perseguita
      ora cosa si fa
      si va in cerca del tuo odore
      in questo diluvio d'anime cerco una lacrima
      in questo paradiso senza cieli cerco una speranza
      in questo inferno dannatamente bello cerco la tua anima,
      la luce tornerà
      il buio si fermerà
      nemmeno quel dannato silenzio ingordo mi fermerà
      sarà un altra poesia
      sarà un'altra storia
      ora resto immobile
      resto immerso nei tuoi incubi,
      Dio mi hai portato via la mia anima
      Dio, mi hai portato via dalla mia follia,
      Dio, mi hai tolto l'adolescenza,
      Dio, mi hai tolto la stella più bella,
      Dio, hai mandato quell'angelo maledetto da me,
      Dio, mi hai tolto quel piccolo pezzo di me,
      Dio, mi hai donato l'oscurità,
      Vivo nello sconforto di una vita senza età,
      Voglio questo dannato amore che mi hai portato via,
      Cielo grande, cielo mio portami li,
      li dove la neve si trasforma in amore,
      li dove tutto muore e tutto rinasce,
      Mare mio, mare sacro regalami la tua ira.
      Antonio Prencipe
      Composta venerdì 30 aprile 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Oggi, Addio, Ora!

        Polvere ferma nei corridoi
        cenere sulla neve dei nostri sentimenti,
        aspettami che
        verrò li,
        morirò senza rimpiangere il mio orizzonte,
        scapperò via dai miei sentimenti,
        cambierò i miei numeri,
        scorderò una vita prevista con te.
        Questa rosa era per te
        questa spina era per me,
        Quel maledetto tramonto
        ti ha perso sulle scale di quella benedetta follia,
        Oggi rimpiango il sole,
        Oggi gioco con la sera depressa,
        Oggi amo il mio dolore
        Oggi assaporo il tuo amore
        domani ascolterò le tue lacrime,
        Addio per non piangere,
        Addio per non crepare,
        Addio all'oscurità di ogni tuo angelo nascosto nei tuoi sogni,
        Addio alla tua anima
        Addio al mio cuore
        Addio alla mia anima Rock,
        Ora queste maledette tenebre mi chiamano assassine,
        Ora raccolgo i petali di una vita senza ricordi,
        Ora sparisco nell'onda di questo mare furibondo.
        Ora ammazzo il presente
        Ora attraverso questi dannati ostacoli pieni di noi
        Ora
        Ti
        Amo.
        Antonio Prencipe
        Composta lunedì 26 aprile 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Te ne vai

          Ora che te ne vai
          senza farti una ragione vera
          non tornare indietro
          non ti voltare
          non c'è più nessuna stella per te
          vola,
          verso quel tramonto tanto atteso
          osserva quella luce è fermati
          osserva l'orizzonte
          ascolta il vento ti porterà nei miei sogni
          ora dammi indietro la mia alba
          respira forte e
          vattene via
          senza far rumore dalla vita mia,
          siamo andati in culo al mondo
          e ci sono finito dentro
          per amarti da lontano
          in questo giorno
          ormai lontano.
          Antonio Prencipe
          Composta sabato 24 aprile 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di