Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Lacrime Disperse

Sempre,
Oltre le nuvole
Oltre il mare
Oltre il mio cuore
Intravedo tramonti lontani
e albe disordinate
Ho lasciato la tua mano
e sono caduto
Ho perdonato
e ormai non mi resta che il rimpianto
Abbiamo spento quella luce
che riscaldava i nostri cuori
Fiamme e vento sulla nostra pelle
Sangue e diamanti sul pavimento
macchiato dalle nostre lacrime
Sono alla ricerca di due ali
Alla ricerca di due mari
su cui poter far sprofondare i nostri sentimenti
La morte,
ha cancellato anche
l'odore di quel bacio
immobile e desiderato
sulle mie labbra
Il tuo corpo è chiuso in quattro pezzi di legni
Il mio corpo è ancora qui,
abbandonato dalla mia anima
sconosciuto per il mio cuore.
Antonio Prencipe
Composta sabato 3 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Una folata di vento

    Non riuscendo e non potendo
    pregare un Dio che non vive nel mio cuore
    prego te,
    Vento
    educato e assassino
    che accompagna i miei desideri
    e i miei sogni nei cortili lontani e folli di felicità
    Una folata di vento
    accompagna la mia anima alla ricerca di un orizzonte
    Una folata di vento
    accompagna i miei sentimenti nei tramonti tanto attesi
    Una folata di vento
    accarezza il mio viso e commuove il mio cuore
    Questa sconosciuta folata di vento
    trascina via quei pezzi di cielo persi e mai ritrovati
    In questa vita non c'è posto per la felicità
    In questa vita ho bisogno di combattere
    Solo una folata di vento può sconfiggere
    quell'oscurità che vive nel mio piccolo cuore
    Addio sole mio
    Ben arrivato vento.
    Antonio Prencipe
    Composta venerdì 2 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Non voglio più dividerti con il cielo

      Non voglio più dividerti con il cielo,
      abbiamo vinto lo so,
      ma io ora, senza te sono solo un perdente

      Non voglio più dividerti con il cielo,
      mi fa troppo male la tua assenza,
      Questo piccolo e amaro cuore desidera te

      Non posso restare in questo mondo
      sapendo che sei volata chi sa dove,
      chissà in quale cielo sei andata a finire
      chissà se da la su mi osservi ancora
      chissà se da la su mi ami ancora

      Dolce amore mio
      io brindo a questa vita,
      brindo a questo amore volato in cielo con te

      Ti amo,
      hai perdonato le mie lacrime,
      ma non sei riuscita a perdonare la tua vita

      Insieme a te,
      anche la mia anima è sprofondata giù,
      giù dove nemmeno i miei sentimenti riescono ad arrivare
      Questo mio piccolo e nostalgico cuore
      è perso ancora nei tuoi occhi

      Abbiamo ammazzato angeli depressi nelle sere d'inverno,
      tra balli e salti nel profondo abisso della nostra esistenza
      ci stavamo perdendo nelle fiamme del desiderio,
      il desiderio di una vita senza noi

      Io raccolsi lacrime e raggi di sole,
      tu invece Dolce Amore mio coltivavi
      morte e odio per una vita
      che non ti ha dato ciò che desideravi e meritavi

      Ormai non mi resta che il tuo ricordo
      non mi resta che il tuo odore sulla mia pelle
      non mi resta che il rimpianto

      Dolce Amore mio
      io sono qui,
      mi hai lasciato solo in questo mondo abbandonato dal cielo
      non preoccuparti dimenticarti è impossibile
      Ora riposa felice
      sei e resterai sempre la mia stella guerriera che veglierà
      sulla mia agguerrita vita.
      Antonio Prencipe
      Composta mercoledì 30 giugno 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Notti Abbandonate

        Il male di vivere,
        Quelle notti con la testa nel cesso
        cercando di vomitare anche l'anima,
        Quelle notti
        cercando di dimenticare un passato
        che torna a trovarci,
        Non si sa più dove si va
        Non si sa più cosa sperare se non si combatte
        Non si sa più cosa cercare,
        Senza una meta
        e senza un destino spariamo al nostro infinito,
        Quelle notti scomparse nell'oblio
        Quelle notti amate e poi ammazzate
        Quelle notti senza amore, immerse nell'alcol,
        Tutte queste notti abbandonate e mai ritrovate
        si perdono nell'insieme di un sussulto dimenticato nel vento,
        Fra tramonti scomparsi e Albe massacrate
        la mia anima naviga nel vuoto di un Addio,
        Cercando un cielo,
        cercando una nuvola su cui far riposare i miei sentimenti
        annegai nel desiderio di un'amore che mai ritornerà,
        Notti che fanno male,
        Notti ubriache di follia,
        Notti senza Dio,
        Notti Bastarde e Notti consumate dall'odio.
        Antonio Prencipe
        Composta lunedì 28 giugno 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Alla ricerca del mio cuore

          Non ti trovo
          Dove stai?
          Perché non riesco a trovarti?
          Ti cerco ovunque
          sono salito anche sulla luna per trovarti
          Ho scavalcato orizzonti e imprigionato tramonti
          ma di te nemmeno l'ombra
          Ho rinunciato anche alle mie ali per te
          ora non posso nemmeno volare nell'immenso
          Non trovo nemmeno la mia anima
          forse è scappata via con te
          Perché te ne sei andato?
          Non ho chiesto altro che provare quell'emozione
          persa in quel dannato vento
          Ora senza te non intravedo nemmeno il sole
          Ora senza te mi aspetta solo il mare
          Ho viaggiato per deserti e laghi
          Ti ho cercato e ti ho desiderato
          Ma tu
          Cuore
          mi hai lasciato qui,
          Cuore
          sono in viaggio per ritrovarti
          Cuore
          senza di te intravedo solo albe depresse
          Cuore
          torna da me.
          Antonio Prencipe
          Composta venerdì 25 giugno 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di