Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonio Prencipe

Studente, nato sabato 29 giugno 1991 a Mattinata Prov. FG (Gargano) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Racconti e in Frasi per ogni occasione.

Scritta da: Antonio Prencipe

Il Sipario

Io non potrò volare
Non potrò sparare
Non potrò pescare fiori perduti di malinconia

Mondo che va, Mondo che viene
regalami la vita mia

Il sipario si chiude
ed io resto qui
solo e incazzato con la guerra nel sangue

Stelle senza luce e angeli dannati
volano e cadono insieme alla mia anima,

Raccogliendo pezzi di cielo
mi persi in una strana luce,
forse avrei voluto sparire nell'oblio
forse sarei dovuto volare in cielo al posto tuo

Parole rincorse dal vento
desideri e sogni torturati e poi ammazzati
ricoprono un amore violentato dal destino

Giorni e ore senza una fine
a osservare una foto
coperta da polvere e lacrime salate, amare

Casa tua è coperta ancora dalla tua anima
Casa tua canta e grida il tuo nome

A casa tua il mio cuore non riesce a battere.
Composta venerdì 16 luglio 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonio Prencipe

    Ti Amo, Ti Amo

    Questa vita mia,
    giocattoli rotti pieni di fantasia,
    annebbiate luci spente di malinconia
    ricoprono il palcoscenico della vita mia

    Come potrò volare,
    Ti Amo, Ti Amo
    Sei tutta la vita mia

    Ascoltami, sussurrami
    io non c'è la faccio più,
    senza di te non intravedo nemmeno l'Alba

    Il buio mi fa paura
    non c'è nemmeno una lucciola a farmi compagnia,

    La tua voce rimbomba nella mia testa
    il mio piccolo cuore ha bisogno del tuo odore,
    veglia su di me
    non mi abbandonare

    Ti Amo, Ti Amo
    Senza di te non mi resta più nulla
    Senza di te sprofondo nel mare

    Sento le parole tue

    Ti prego torna qui,
    Ti regalo la mia vita
    Ti regalo i miei sogni

    Come stelle senza luce anche il mio cuore muore

    I miei sentimenti sono riposti in quella prigione bianca
    piena di rabbia e rancore

    TI Amo, Ti Amo.
    Composta venerdì 16 luglio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonio Prencipe

      Pioggia

      Come pioggia
      anche la mia anima si rifugia nell'angoscia

      Montagne di plastica
      e arcobaleni sconfinati
      sfiorano l'immensità di una notte senza luce

      Nuvole congelate dall'odio
      e angeli consumati dall'oscurità
      ritornano e perdonano la mia anima

      Addio a un cielo
      che non è fatto per essere il mio

      Vita
      ti sto cercando aiutami a trovarti
      l'inferno si è già portato via il mio cuore
      rimani qui
      il sole mi fa freddo se non ci sei tu a coprirmi.
      Composta martedì 13 luglio 2010
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonio Prencipe

        Non tornerà

        Si,
        Sesso e droga nella mia vita,
        Urla e disperazione,
        Sangue e cristalli sul mio cuore,
        Non è facile affrontare
        un cielo che ha paura del mare,
        Il sole non tramonta,
        La luna non viene giù
        ed io qui
        stanco d'aspettare la tua anima che non mi parla più,
        Non so più niente,
        so solo che Ti Amo
        e che non vivo senza i tuoi sguardi,
        Senza spade e senza fucili
        combattevamo una vita consumata nell'oblio,
        Non tornerà
        il nostro amore,
        Non tornerà
        il nostro bacio atteso e maledetto.
        Non tornerà
        quell'Addio che consumava il mio presente.
        Composta sabato 10 luglio 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonio Prencipe

          Lacrime Disperse

          Sempre,
          Oltre le nuvole
          Oltre il mare
          Oltre il mio cuore
          Intravedo tramonti lontani
          e albe disordinate
          Ho lasciato la tua mano
          e sono caduto
          Ho perdonato
          e ormai non mi resta che il rimpianto
          Abbiamo spento quella luce
          che riscaldava i nostri cuori
          Fiamme e vento sulla nostra pelle
          Sangue e diamanti sul pavimento
          macchiato dalle nostre lacrime
          Sono alla ricerca di due ali
          Alla ricerca di due mari
          su cui poter far sprofondare i nostri sentimenti
          La morte,
          ha cancellato anche
          l'odore di quel bacio
          immobile e desiderato
          sulle mie labbra
          Il tuo corpo è chiuso in quattro pezzi di legni
          Il mio corpo è ancora qui,
          abbandonato dalla mia anima
          sconosciuto per il mio cuore.
          Composta sabato 3 luglio 2010
          Vota la poesia: Commenta