Scritta da: Antonio Cafasso

È terra mia

È terrà mia
Inchiodàt cu e' dita
sòpr a' terrà dei fuochì ra' vità,
l sentimm comm o' vento
ìl trascorrèr ro' tempo.
Ancoràt e abbandonati,
siàm fori ad aspettarè
ch nata vota ci può amare.
Nòn vulimme bruciarè
impariàm a navigare
aspettànd primaverà.
C chiediàm poì, dov"era
quèll terrà felice
decantàt dai poetì.
S o' cuòr ancòr ci dicè
d guardàr oltré e' stelle,
saràn lorò, propeto quellè
condùrc into calorè
d nu' immèns nuovò solè,
ch ci scaldì poi e' dita
còn o' raggiò ra' vità.
Antonio Cafasso
Composta mercoledì 21 gennaio 2015
Vota la poesia: Commenta
    Questo sito contribuisce alla audience di