Questo sito contribuisce alla audience di

Poesie di Antonino Giuffré

Questo autore lo trovi anche in Racconti.

Scritta da: Nino Raf. Giuffré

A Martina

Quale meraviglia è il raggio maggese
Ch'illumina il sorriso tuo nella notte,
Tu che trascorri né miei sogni fanciulli
Per mai abbandonarli: vispi sul tuo viso

Quegli occhi neri e del mare,
Ch'intingono a lampi
Passeggeri – quest'imperante tempesta
Come folgori di un polo.

All'orizzonte l'angelo mio si leva in volo
Verso un cielo dove più non posso:
Vigliacco! Se fossi come tu mi chiedi,

T'amerei senza timore di perderti

Per sempre. Ma forse non t'ho mai persa
Perché non t'ho mai avuta; come un'ape
Ch'impollina il fiore e sola si spenge,
Io t'ho amata tacendo la speranza d'oblio.

Né la dolcezza prima né le vergini parole
Del cuore mi saranno compagne:
Silenzi che sfumano e mai più ascolterò.
Credo
Tu sia il Sogno per cui ho sempre vissuto.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nino Raf. Giuffré

    Ali di angelo

    Nella notte de' cristalli che vanno
    A pezzi, i sogni, ancora, volano
    in cielo con ali di rondine.
    Ho cercato d'amarti come le radici
    D'una quercia, il fiume che cinge
    Con calore, ma tu sempre andavi via.

    E non importa quante nuvole tu
    abbia sottratto alle mie speranze:
    T'amerò come un angelo perduto
    Nei tuoi occhi e, timido ti sposa.
    Vota la poesia: Commenta