Poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

Che sia sempre Natale!

Magica atmosfera,
tinta d'oro e d'argento,
che ogni anno ricorre
fra la terra ed il firmamento.

Il profumo nell'aria,
di un'antica alchimia,
che riscalda ogni anima
con una misteriosa magia.

L'emozione fibrilla,
nei cuori bambini,
che attendono ansimando
desideri sublimi.

Anche gli Angeli in coro
con armonici suoni
a grandi e piccini,
fan diventare più buoni.

Mentre in cielo una stella
che si accende d'immenso
illumina una strada
che profuma d'incenso.

Il gran giorno è vicino
s'interrompe ogni male,
ecco il mio desiderio...
Che sia sempre Natale!
Antonino Gatto
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Bisogna avere il coraggio!

    Tu gestore premuroso
    che per tuo Figlio rinunci al tuo riposo,
    e vendi alcol felice al tuo locale
    agli altri figli, e sai di fare male.

    Tu che da sempre, hai un solo scopo,
    di far cassetto, e non pensi mai al dopo,
    e dietro al banco osservi molte vite,
    che si abbandonano a droghe assai proibite.

    Tu che per soli, due euro di guadagno,
    vedi ragazzi distrutti dentro un bagno,
    che poi escono barcollanti dal locale
    e non ti importa se si faranno male.

    Ed ogni sabato si scrive un altro foglio
    mentre Tu conti il denaro nel cassetto,
    un altro padre sighiozza il proprio figlio
    schiantato contro il solito cassonetto.

    Forse la società non ha ancora perso abbastanza
    per decidere di cessare questa mattanza,
    e quanto caos ancora bisogna fare,
    per convincere i locali che qualcosa deve cambiare.

    Ecco perché Tu leggi questo messaggio,
    perché sei il primo che devi avere il coraggio,
    di iniziare a consigliare cioccolate,
    invece di vendere alcol a tonnellate.
    Antonino Gatto
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      L'Angelo che è in Te!

      Aspettavi un segnale
      che ti parlasse di Me,
      ma vedi solo le nuvole,
      e ti chiedi perché.
      Forse stai pensando
      che questa poesia,
      sia solo il frutto
      di una folle utopia,
      ma se la rileggi
      con molta attenzione,
      troverai le parole
      che appartengono al tuo cuore.
      Tu sei la materia,
      io sono l'astratto
      più volte mi osservi
      col tuo volto distratto,
      tu sei l'artefice
      di una partita infinita
      che da noi è l'eterno,
      e per voi è la vita.
      Più volte mi sfiori
      col tuo dolce pensiero,
      ma ancora non credi
      che mi parli davvero.
      In ogni porta che hai aperto,
      senza alcuna fatica,
      hai trovato di certo,
      una chiave un po' antica,
      che ha vissuto millenni,
      ed è ancora perfetta,
      perché è l'arte di un Uomo
      che all'ultima porta ti aspetta.
      Io sono la tua guida
      il tuo consigliere,
      colui che bisbiglia
      la tua mente a dovere.
      Ma spesso il tuo udito
      al quanto distratto,
      vorrebbe ascoltare
      la voce di un matto,
      che sbatte le porte,
      e ti apre i portoni
      per farti passare
      sventure a milioni.
      Ascolta il tuo istinto
      c'è dentro il mio amore
      vedrai che d'incanto
      spunterà fuori il sole!
      Antonino Gatto
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto
        Non dimenticare mai
        quanto amore hai ricevuto,
        che cibo hai mangiato,
        quanta acqua hai bevuto,
        quante persone hai incontrato,
        quante volte hai pregato,
        quanti soldi hai speso,
        quante persone hai aiutato,
        quante volte hai sbagliato,
        quante persone hai ascoltato,
        quante volte sei caduto,
        quante volte ti sei rialzato,
        quante volte ti sei fermato,
        quante persone hai ringraziato,
        e quante volte hai pianto
        fin dal tuo primo vagito,
        per essere oggi quello che sei!
        Il tuo valore, e il frutto della tua memoria!
        Antonino Gatto
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonino Gatto

          La Zanzara ed il Moscerino

          Siam venuti in questo mondo
          in due anni ben distinti,
          ma a guardarci in fondo in fondo
          gemelli eravamo per tutti quanti.

          Abbandonati alla sorte
          da un Papà un po' incosciente,
          abbiamo superato anche la morte
          grazie ad una Mamma mai assente.

          Quante guerre abbiam vissuto,
          sempre insieme nel cammino,
          tu Massimo la Zanzara,
          ed io Nino il Moscerino.

          Oggi Padri per coraggio,
          senza mai voltarci indietro,
          tu il folle ed io il saggio,
          col passato dietro un vetro.

          Chissà quanti come noi
          oggi insieme nella vita
          si sentiranno un giorno eroi
          di una medesima partita.

          Un po' più grandi ed un po' diversi,
          una Zanzara ed un Moscerino,
          oggi danzano in questi versi
          come ogni giorno nel loro cammino.
          Antonino Gatto
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di