Poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

La vera storia di San Valentino

Questa è la storia di come nacque l'amore
nel lontano febbraio alla luce del sole,
quando un santo cristiano, da Furius soldato
fu posto al flagello e del capo privato.

L'ingiustizia lontana di anni crudeli,
per combattere il Cristo e tutti i fedeli,
nel volere di Aurelio, imperatore del mondo
succeduto al tiranno Claudio secondo.

Ma come dal fango, può nascere un fiore,
in questo contesto è nato l'amore,
dall'animo buono di san Valentino,
amante delle coppie e di ogni bambino.

Così fu narrata la fiaba d'amore,
da padre in figlio, per restare nel cuore,
del vescovo longevo che amava portare
pagani e cristiani insieme all'altare.

L'amante dei bimbi, e del suo grande giardino,
dove giocavano i figli di ogni vicino
che rientravano in fretta con un fiore la sera
per donarlo alle mamme e portar primavera.

Solo tre anni mancavano, al suo centenario,
quando in prigione lo misero e lo condannarono,
ma nonostante l'età ed il suo batticuore
dietro le sbarre ancora, insegnò lui l'amore,

alla figlia di Asterius, il guardiano custode,
che pur cieca fanciulla, in lui ripose ogni lode,
e nell'ultima lettera riuscì a leggere un mattino
l'amore di un poeta che si firmò Valentino.
Antonino Gatto
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Averti addosso...

    Averti addosso,
    come il fruscio del vento
    che mi sussurra le tue parole
    celate dai tuoi misteri.
    Averti addosso,
    con quei tuoi falsi sorrisi,
    e le tue carezze che profumano di donna
    e quella donna non sono io.
    Averti addosso,
    con le tue bugie, sempre più meschine
    di un uomo che dice di amarmi,
    e lo dice guardando negli occhi la tv.
    Averti addosso,
    per saziare il tuo impeto
    senza più desiderare il tuo corpo,
    senza più volerti addosso.
    Averti addosso
    come una farfalla sotto una pioggia di lacrime
    che sogna il sole, ma vive la tempesta,
    che nasce per amare, e dorme per dimenticare.
    Averti addosso,
    per provare chiudendo gli occhi a fantasticare,
    per trovare un giorno il coraggio di ricominciare,
    per convincermi che esiste ancora un uomo
    che mi saprebbe amare!
    Antonino Gatto
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di