Le migliori poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

Devo andare

Ti ho incontrato passeggiando per la via,
mi hai colpito per la tua dolce cortesia,
non ho avuto neanche il tempo di pensare,
che ad un tratto, mi dicesti "devo andare"

Ti ho rivisto, mentre uscivi dalla chiesa,
e poi ancora con la borsa della spesa,
ed ancora mi domando dove vivi,
e di cosa ogni giorno tu ti privi.

Le tue vesti sono forse un po' sgualcite,
e di molte grandi macchie son condite,
ma il tuo animo sembra essere immacolato,
d'una vita che ti ha tolto, e non ti ha dato.

Ti ho portato a casa mia per pranzare,
mi dicesti nuovamente "devo andare"
ma ho insistito e ti ho accolto col sorriso,
ed una goccia di rugiada, è fiorita sul tuo viso.

Hai avuto acqua calda in una vasca,
due pantofole, un divano, e senza fretta,
hai dormito dimenticando il tuo cartone,
che hai lasciato sotto al solito lampione.

Hai giocato abbracciando i miei bambini,
ma hai deciso di tornare ai tuoi giardini,
e mi chiedo ascoltando la tua storia,
cosa prova dentro al cuore chi t'ignora.
Antonino Gatto
Composta giovedì 27 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Di amante l'amore e Diamante l'amare

    Di amante l'amore,
    non potrà mai fiorire,
    se si nutre di pianto
    è destinato a perire,
    dura un attimo appena
    per svanire in giornata
    come in mezzo al deserto
    un po' di sabbia bagnata.

    Diamante l'amare,
    è destinato a sbocciare,
    confidando nel tempo
    come il wisky sa fare,
    fu così che attirato
    dal tuo forte bagliore,
    ti ho voluta al mio fianco
    senza troppo timore.

    Hai forgiato i miei occhi
    dei tuoi tanti sorrisi
    hai saputo scavare
    il mio lato migliore,
    mi hai donato la luce
    che ora splende soltanto
    per vederti gioire
    invecchiandomi accanto!
    Antonino Gatto
    Composta martedì 8 gennaio 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      I professionisti

      1. I professionisti, hanno molti clienti, e pochi Amici, ma rispettano entrambi allo stesso modo.
      2. i professionisti, si prendono gli impegni che sono in grado di portare a termine.
      3. i professionisti, sono persone che ci tengono a mantenere integra la loro credibilità.
      4. i professionisti, se decidono di seguire una pratica, la portano sempre a termine.
      5. i professionisti, amano il loro lavoro, e gli dedicano il tempo necessario per farlo bene.
      6. i professionisti, amano la loro famiglia, e non la vendono per il loro lavoro.
      7. i professionisti, non dicono il falso, ma sempre nude verità, anche se sanno tenere i segreti.
      8. i professionisti, amano la libertà, e la vivono rispettando quella degli altri.
      9. i professionisti, vivono i loro successi e affrontano gli insuccessi, andando sempre avanti.
      10. I professionisti, cambiano strada, ma solo di fronte ad un ponte crollato.
      11. I professionisti, rispondono sempre al telefono, anche quando preferirebbero non farlo.
      12. I professionisti, sono uomini fedeli, e padri premurosi, ed i loro figli saranno come loro.
      13. I professionisti, sono i primi a dare il buongiorno, e lo fanno col sorriso.
      14. I professionisti, perdono più tempo a selezionare i loro collaboratori, che a lavorare.
      15. I professionisti commettono degli errori, ma sono sempre pronti a rimediare.
      16. I professionisti, sanno che la pianta dell'orgoglio non ha mai dato frutti.
      17. I professionisti, sanno sempre quanto può costargli perdere quello che hanno conquistato.
      18. I professionisti, non amano perdere.
      19. I professionisti, che hanno rispettato queste regole, hanno sempre costruito grandi opere.
      20. Le opere che hanno realizzato i professionisti, continueranno a parlare di loro in eterno.
      Antonino Gatto
      Composta domenica 8 novembre 2009
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Antonino Gatto

        Dietro un vetro

        Amsterdam la rossa,
        di carne la pastura,
        audace chi non possa
        ma in cerca di avventura.
        Le strade a passo d'uomo,
        la spola a visi spenti,
        di volti senza sonno,
        e cuori ribollenti.
        Guardando le vetrine,
        comuni all'apparenza
        adornate da tendine,
        e corpi in trasparenza.
        Splendenti donne ad ore
        con mani vellutate,
        che invitano all'amore
        per essere pagate.
        Così son consumate,
        le notti ad una ad una,
        l'opportunista che usa e parte,
        mentre lo assiste la sola luna.
        Ma dietro un vetro, in un gran dolore,
        nel suo silenzio, risplende un fiore,
        che piange la bimba lontana e assente,
        per cui lavora senza dir niente.
        La sua speranza è di far fortuna,
        e della vita strappare un foglio,
        che lo ricordi solo la luna,
        per poi tornare dal suo germoglio.
        Antonino Gatto
        Composta sabato 13 marzo 2010
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Antonino Gatto

          Oro, diamanti, e poesia

          Così preziosa pare,
          la pietra che hai comprato,
          con tutto il suo brillare,
          da lasciarti senza fiato;
          per non parlar del sole
          che splende in quel metallo,
          e porta seco gli anni
          di un passato millenario.
          Splendidi tesori,
          padroni della storia,
          ma frutto della terra,
          e della sua memoria.
          Vissuti nelle tenebre,
          la dove sono nati,
          e portati allo splendore,
          dal sudore di antenati.
          Immortali resteranno,
          amati e poi lasciati,
          alla loro madre terra,
          da dove sono nati.
          Per questo ho scelto te,
          mia splendida poesia,
          per non lasciarti mai,
          anche il giorno in cui andrò via.
          Antonino Gatto
          Composta domenica 10 gennaio 2010
          Vota la poesia: Commenta
            Questo sito contribuisce alla audience di