Le migliori poesie di Antonino Gatto

Libero professionista, nato martedì 16 maggio 1972 a Barcellona Pozzo di Gotto (ME) (Italia)
Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi, in Umorismo, in Racconti, in Frasi per ogni occasione, in Proverbi e in Diario.

Scritta da: Antonino Gatto

Ti regalo una Poesia

Troppo spesso mi viene voglia di parlarti,
ma finisco poi sempre a guardarti,
assetato nel trovar le parole,
che possano descriverti tutto il mio amore.

Molte volte mi fermo a pensare,
se esiste un regalo che ti posso donare,
per ricambiare ciò che hai fatto per me,
che non ho mai avuto abbastanza cura di te.

Forse il tuo cuore mi ha ascoltato più volte,
quando ero lì per stringerti forte,
ma la ragione mi ha più volte frenato,
soffocando l'emozione che mi avrebbe ubriacato.

Ma oggi ho deciso, e con un po' di coraggio,
ti dono il mio cuore, con questo messaggio,
mentre brillano i tuoi occhi, leggendo pian piano,
le parole che ho scelto per dirti ti amo.
Antonino Gatto
Composta mercoledì 9 dicembre 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Antonino Gatto

    Il gran galà della natura

    Un giorno come tanti,
    all'imbrunire della sera,
    quando ancora qualche spiraglio di sole,
    tinge di mille colori il cielo,
    al di là della collina,
    mi ritrovo seduto a meditare,
    circondato solo
    da un melodico canto di cicale.
    L'autunno è alle porte,
    e i colori lasciati sul suolo,
    mostrano lo splendore della natura,
    che pare variopinta,
    come a far gola,
    al desiderio più segreto di un pittore.
    Così il cielo con la sua vanità,
    pare non esserne meno,
    e fra giochi di nubi che vacillano di forme e colori,
    sfila col suo vestito migliore,
    per donare emozioni,
    a chi con l'animo in gola,
    affronta la gravità, con lo sguardo rivolto all'in su.
    Cosa può desiderare di più,
    il cuore di un artista,
    che vive di piccole cose?
    Antonino Gatto
    Composta venerdì 1 gennaio 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Antonino Gatto

      Perché siamo venuti al mondo?

      Un giorno mi hai detto di essere pronto,
      ed ho deciso di metterti alla prova, regalandoti la vita.
      ... mi aspettavo un "Grazie" ma non sapevi parlare,
      allora ho deciso di regalarti il dono della parola.
      Ma eri troppo giovane per capire,
      allora ti ho preso per la mano e ti ho aiutato a crescere.
      Sei caduto mille volte, piangendo,
      ed hai avuto sempre accanto qualcuno che ti tirava sù regalandoti un sorriso.
      ... mi aspettavo un "Grazie" ma forse non sapevi che esistevo,
      allora ti ho dato la possibilità di studiare.
      Ma quando sei cresciuto, hai pensato di non aver più bisogno di nessuno,
      ed hai fatto soffrire chi ti ha cresciuto, ed amato.
      ... speravo che ti fossi accorto che non sei solo in questo mondo,
      ma hai impegnato dieci anni della tua vita pensando solo a te stesso.
      ... ti ho ascoltato, ma le tue uniche parole erano per chiedermi altro,
      come se non fosse abbastanza quello che ti ho dato.
      Ti ho regalato un cielo ricco di stelle,
      un sole splendente per dar vita alla terra,
      mille colori di luci al tramonto,
      ed una splendida luna per specchiarsi sul mare.
      ... ed ero li a guardarti, ogni giorno
      ma tu non hai mai alzato il tuo sguardo ai miei occhi!
      Allora ti ho regalato l'amore, sperando che ti potesse servire a diventare più buono
      e tu hai trasformato la donna in tua schiava,
      dicendo di amarla, e l'hai tradita alla tua prima occasione!
      Quante volte ti ho parlato, ma tu non ti sei mai accorto di me!
      ... ma ti ho sempre voluto perdonare, e ti ho regalato un figlio
      e poi all'improvviso, avresti desiderato ubbidienza,
      anche se tu non l'hai mai fatto.
      Ti ho permesso di lavorare, ed essere felice,
      ma tu hai voluto arricchirti,
      hai speso tutto ciò che guadagnavi, senza rinunciare ai tuoi divertimenti,
      ed un giorno mi sono presentato ai tuoi occhi,
      nelle vesti di un uomo affamato,
      ma tu mi hai negato il pane!
      Allora ho sperato che portassi rispetto almeno a chi ti ha cresciuto,
      ma tu hai detto che eri molto impegnato,
      e gli hai negato una carezza quando ne avevano bisogno.
      E ti sei accorto di quello che anno fatto per te solo quando li hai persi.
      Hai pianto!
      ... ed io ero lì a guardarti,
      pentito di averti messo al mondo.
      Un giorno eri in grande difficoltà, e mi hai chiesto aiuto,
      ti ho mandato un Amico,
      non l'hai mai capito!
      Ogni giorno al sorgere del sole, ti ascolto
      e ancora mi stupisce il tuo silenzio.
      Vorrei tanto poterti parlare, magari con le parole di un tuo Amico,
      e spingerti a pensare che questa tua vita è breve,
      e gli unici ricordi che conserverai quassù,
      saranno le buone azioni che hai compiuto sulla terra.
      E per chi non avrà nulla da ricordare,
      la sua seconda vita finirà ancor prima di iniziare...
      Antonino Gatto
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di