Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Aysha54

Schegge di ricordi

Vicoli di malinconia,
s'inerpicano su per il cuore.
Da una finestra,
buco nero di morte,
la nonna salutava con la mano
e sempre con lo stesso sorriso nuovo.
Briciole di biscotti fra le mani e sulle labbra,
corse lunghe, per corridoi pieni di paura.
Le dita, nei dischetti dei telefoni,
ed echi di risate nelle stanze bianche,
quando non volevo chiudere gli occhi, per non morire.
Il cielo, sui balconi con i fiori,
un sapore di gelato alla frutta sulla bocca,
un sonno dolce, davanti alla tv e poi, dentro un letto,
grande come il mondo, con una poltrona di lato per non cadere.
Un bacio piccolo che si succhia l'infanzia
E schegge di ricordi
nelle mani!
Composta domenica 8 ottobre 1972
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Aysha54

    Prendi i tuoi sogni

    Prendi i tuoi sogni
    e raccontali a chi sa capire,
    apri la tua anima
    a chi non ti farà mai del male.
    Prendi la tua voce
    e parla serena delle tue paure,
    porgi il tuo ascolto
    a chi sa dirti solo la verità.
    Prendi il tuo cuore
    e sappi sempre perché batte,
    offri il tuo "eccomi"
    a chi saprà che cosa farsene.
    Prendi il tuo sorriso
    e regalalo a chi lo desidera,
    dona il tuo sguardo
    a chi ti cerca con il suo.
    Prendi i tuoi giorni
    e fa di loro un radioso disegno,
    distendi le tue ali
    e impara a volare più in alto.
    Prendi quel che sei
    e adoperalo con saggezza,
    sii sempre pronta
    a comprender ciò che non sai,
    per non far della tua vita solo
    un inutile eterno rimpianto.

    [Calizan].
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Aysha54

      Antica danza tribale

      Cerco la tua mano,
      per stringerla sul mio cuore,
      cerco il tuo corpo pieno d'ardore,
      gocce d'amore tenere,
      sapori di fantasia,
      carezze calde e umide, baci di nostalgia,
      Cerco un intreccio magico,
      dei nostri corpi ansanti,
      attimi lunghi e dolci, complicità di amanti,
      tamburo dentro il petto, antica danza tribale,
      respiro senza tempo, voglia di farmi male,
      Tempesta che mi trascina,
      sono senza difese,
      adoro questo tuo corpo, cedo alle tue pretese,
      un mare di desiderio, in fondo agli occhi tuoi,
      sono quella che credi, divento quella che vuoi,
      Ti amo di un amore, grande come il mare, libero come il vento,
      Ti amo, perché ti voglio, perché ti sento,
      perché ti lasci amare e bruci questa notte, lasciandola consumare!
      Composta sabato 1 ottobre 2005
      Vota la poesia: Commenta