Scritta da: merè

Astore in volo

Darvi corpo di astore
e le sue veloci ali
in questi monti
di rovesciate nuvole
io, che sento ora
il suo richiamo.

Allontanando
come maestrale
da voi il dolore,
aprendo le vene
ridenti
come gocce d'aria.

A te, figlia,
danzatrice di perle
e di luna,
d'incanto i tuoi occhi
lucenti
fermi in fiorite domande,
darti ali d'amore
che ti smuova, ribelle,
ma della tua dolcezza,
ché la vita si fruga
anche nei selciati
di cento strade.

A te, figlio,
giocoliere del tempo,
che colori lieve
i sentieri da seguire,
mago piccolo e gioioso,
farti capire
che, sognando
i colori sono d'acqua
e di cielo,
ma la terra è àncora
ed il fuoco segue
spaventati limiti.

Darvi ali di astore
perché il mare è grande
da contraddire
e, a volte, per riposare,
si trovano solo
rocce di dura ossidiana.

Allora tu
danzatrice gioca,
e tu giocoliere danza:
quando la primavera
albeggia
e il crepuscolo apre
l'inverno,
ché il volo dell'astore
sfiora morbido
l'arcobaleno.
Antonia Piredda
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: merè
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: merè
      Vota la poesia: Commenta
        Questo sito contribuisce alla audience di