Questo sito contribuisce alla audience di

Le migliori poesie di Antonella Dadone

Questo autore lo trovi anche in Frasi & Aforismi e in Diario.

Scritta da: ANTONELLA DADONE

Raccolgo la mia essenza

Raccolgo nel palmo della mano un filo di vita
che si spegne come candela
in un singulto di lacrime
a scolpir viso di profonde rughe.

Raccolgo nel palmo della mano una ciglia
caduta da occhi pesti
spenti di sogni e dolcezza
muti e rassegnati di fronte all'avverso fato.

Raccolgo nel palmo della mano un bacio
conservato come pegno d'amore
e da te donato nei giorni sereni
e luminosi di cieli senza bigie nubi.

Raccolgo nel palmo della mano il mio cuore
straziato e consunto da tanto penare
e come fonte prosciugata
raggrinzito in un silenzio pesante.

Raccolgo nel palmo della mano la speranza
e la certezza di esser luce
sempre presente nella tua anima confusa
ed impaurita dalla grandezza dell'amore.
Composta domenica 10 gennaio 2016
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: ANTONELLA DADONE

    Aprii il mio cuore all'amore

    Sentii da subito che mi eri indispensabile
    come il fiume abbisogna della sua acqua
    come il fuoco del suo legno
    come il mondo della sua aria.

    Sentii da subito che avrei rischiato le mie certezze
    e combattuto per il nostro amore
    in mille battaglie
    e se fosse stato necessario
    contro tutto e tutti.

    Sentii da subito il tuo immenso dolore dell'anima marchiata
    da abbandoni importanti
    mai superati né affrontati
    durante i giorni convulsi di una vita difficile e dura.

    Sentii da subito che non sarei mai andata via da te
    e nessuno avrebbe mai costruito un muro insormontabile
    tra di noi
    essendo respiro e vitale vento uno dell'altro.

    Sentii da subito che la strada sarebbe stata impervia
    e colma di ostacoli ma mi armai di solo Amore
    e partii con gioia per mano al tuo cuore
    alla scoperta del noi.

    Sarà il tempo a guidarci verso il nostro futuro.
    Composta sabato 9 gennaio 2016
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: ANTONELLA DADONE
      Respiro di un raggio di sole
      l'essenza
      -ciclamini rossi si ergono sinuosi-
      e di grembo materno
      mi colmo in estasi di linee morbide
      che profuman di miele e ginestre.

      Respiro di un raggio di sole
      il cuore buttato oltre
      -sfrangiate gocce di lavanda-
      e di ostacoli posti ad arte
      aggiro le paure come una bimba capricciosa
      davanti alla sua luna.

      Respiro di un raggio di sole
      l'intercalare lento
      -danzo in punta di piedi-
      come se osassi toccare il cielo
      per la prima volta
      rendendo al cuore la forza
      di un cammino iniziato anni or sono.

      Respiro di un raggio di sole
      le lacrime bianche
      -eran sorrisi nei giorni di luce-
      coperte e velate di sospiri
      senza maschere bianche
      rubate al teatro della finzione.

      Respiro... volgendo lo sguardo all'orizzonte.
      Composta mercoledì 24 febbraio 2016
      Vota la poesia: Commenta