Questo sito contribuisce alla audience di

La speranza

L'amore è autentico se si basa su un sincero sentimento,
quando si dona amore l'uno nell'altra
senza pretendere nulla in cambio.

Vorrei tanto farti sentire mamma,
vorrei far capire a loro che non sono l'uomo descritto da te,
vorrei far capire a loro che tra quattro mura ci può essere la felicità,
vorrei far capire a loro quanto importante sei tu per me,
quanto la la parola ti amo può prendere un vero valore.

Abbracciamoci amore mio e viviamo felici questa nostra esistenza,
gridiamo al mondo il nostro amore.
Composta lunedì 14 giugno 2010
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: stellina1977

    A mio figlio

    Hai riempito di urla e pianti
    le mie notti insonni,
    hai riempito la solitudine che era in fondo al cuore,
    inondando di luce i miei occhi socchiusi.
    Hai riempito dei tuoi giochi
    i miei spazi,
    del tuo calore
    i miei abbracci.
    Ti guardo dormire
    e so che sei l'amore che da sempre ho aspettato,
    mio piccolo miracolo,
    figlio mio.
    Composta nel luglio 2009
    Vota la poesia: Commenta

      Tu

      D'improvviso la luce!
      Come germoglio che fa capolino
      dalla nuda terra.
      Per troppo tempo mi sono nascosto
      come seme sepolto sotto la coltre
      di umida terra, ed ora rinasce finalmente.
      Poteva non rinascere,
      poteva non rivedere la luce,
      beccato da uccello affamato,
      inaridito in assenza di pioggia,
      marcito per assenza del sole,
      ed invece è nato.
      Un nuovo germoglio è spuntato,
      un nuovo anelito di vita.
      Sta a noi farlo diventare una nuova pianta
      far crescere nuovi e saporiti frutti.
      D'improvviso è sorto
      come farfalla da bruco.
      Vivrà solo un giorno?
      Vorrei durasse in eterno,
      servirà almeno
      ad alleviare le mie pene,
      a farmi ritornare a volare,
      a vivere, ad amare,
      a sentirmi importante,
      corrisposto, valutato, cercato
      tentato, desiderato.
      Fa ricordare i sospiri di gioventù,
      anche se altro non è
      che il fuggire dalle odierne angosce,
      dalle quotidiane sofferenze.
      Non sarà ripicca,
      non sarà la squallida vendetta
      per torti ricevuti.
      E non finirò mai di ringraziarti
      per aver lenito le mie ferite,
      per aver alleviato le mie pene,
      per aver fatto ricrescere in me il desiderio di amore,
      per avermi fatto ritornare a vivere,
      a risentirmi uomo.
      Vota la poesia: Commenta