Scritta da: diezeit

Sei l'idea perversa dell'impossibile

E sì, ora lo sento,
il cuore in gola,
lo stomaco che non mi aspetta.
No, ti prego, non voglio
Ricadere in ciò che eravamo.
Fa male, Dio, strappalo da me.
ho paura di tutto ciò,
non si ferma, corre, mi ha preso tutto il corpo,
e ricompone la mia anima.

Impossibile, sto qui, come mesi fa,
a scrivere di te. Devo smetterla.
Io non devo amarti, tu non ami me.
Ma il calore che mi accompagna quando
Ci tocchiamo mi rende instabile.
Li vedi gli alberi che passano? E
Il sorriso che mostro solo a te, per non farti vedere
Che muoio per te? Vedi qualcosa in me?
Io vedo tutto da quando ti conosco.

Ed ora, in silenzio, senza farlo sentire a nessuno,
dirò ciò che non mi è permesso, perché mi provoca troppo dolore.
Ti amo... Gianluca!
Anonimo
Composta mercoledì 16 febbraio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: angela300

    È la mia vita

    mi hai detto, si fa così
    ed io lo feci, anche se non volevo farlo!
    mi hai detto, è così e basta,
    ed io ti ascoltai, anche se a malincuore!
    mi hai detto, lascialo perché te lo dico io,
    ed io lo lasciai, anche se il mio cuore diceva di non farlo!
    lo faccio per i tuo bene mi hai detto,
    oggi sono cresciuta e ti rispondo,
    grazie per avermelo detto,
    ma adesso una cosa io voglio dire a te
    ridammi la mia vita, perché è la mia vita!
    Anonimo
    Composta giovedì 20 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di