Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Rosaria Ricciardi

Tempesta

Mani bramose che brancolano nel buio,
seguendo le tracce di un calore appena acceso.
Mani irrazionali che cercano senza parole,
guidate da un silenzio primordiale e animalesco.
Il respiro
accelera, singhiozza,
si ferma.
Il calore
aumenta, solletica,
comanda.
La ragione,
sommersa, si spegne.
Si riaccende,
in balìa della marea, del flusso, della burrasca.
La mente irradia la luce,
placa la tempesta.
Le mani si fermano, vergognose, mai pentite.
Il calore è un ricordo.
Il respiro è ormai un sussurro.
Un cavallo indomito continua a correre
nei fulminanti occhi tempestati.
Le mani, ormai ragionevoli, trasformano una scarica elettrica
in una carezza.
Ma la pioggia continua a battere.
Composta lunedì 3 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: star_*
    Sotto le lenzuola io sono,
    mi sento persa sento che non ce la farò
    poi... un onda del mare mi colpisce la mente
    e io sono cullata da quella sensazione, poi
    vedo una luce:
    una luce che viene verso di me
    il cuore mi batte forte e
    sento che posso urlare, possono volare... ma dove?
    io ho una meta? se si quale?
    devo cambiare la mia vita lo so ma mi è difficile,
    sono confusa presa a pensare ad altro...
    Sento che manca qualcosa in me... ma cosa?

    Immersa nei pensieri di una quattordicenne,
    penso ai miei sogni, ai miei desideri e mi chiedo
    io perché non riesco a realizzarli.
    Io... avvocato, politico ma quando tutto questo accadrà?
    Un mondo felice non c'è, ma io voglio realizzarlo!

    Sento che forse posso farcela
    ma le parole mi confondono e mi sento persa,
    come rinchiusa al centro di un labirinto
    e devo cercare di uscita, domandandomi come fare ad arrivare al mio punto d'arrivo, aspettando di essere libera.
    Ancora immersa nei miei pensieri penso che tutto ciò sia inutile e deludente perché
    è come aspettare la pioggia in un periodo di siccità...
    Composta sabato 27 novembre 2010
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: star_*
      Sei distesa sul letto, e tutto ciò che pensi è lui... il tuo solito pensiero, il più bello... Ecco ciò che penso...
      Lui cammina verso di te, il tuo cuore batte... Mentre arriva tu lo guardi e sorridi, e pensi che sei la persona più felice al mondo. E finalmente eccolo accanto a te, baciandoti ti rendi conto quanto tu hai bisogno di lui... Mentre voi siete lì che vi abbracciate, intorno a voi tutto il mondo scorre... ma non t'importa nulla di ciò che accade perché senti di aver tutto quello di cui hai bisogno al tuo fianco, e per almeno un momento ti dimentichi di tutti i tuoi problemi... Le vostre mani si sfiorano, le vostre labbra che si toccano... e il desiderio di avervi aumenta sempre di più... La voglia di averti solo per me è tanta, ma so già che non riuscirei a farlo, allora ti fermi, ma facendo questo tutto ritorna alla normalità... ed è tutto così complicato.
      Composta domenica 2 gennaio 2011
      Vota la poesia: Commenta

        La notte è arrivata troppo presto

        C'è stato un tempo per amarti,
        un tempo per aspettarti
        e un tempo per dimenticarti.
        Ho navigato nel mare dell'Amore
        perché eri l'unica rotta verso Itaca.
        Quante strade abbiamo percorso
        Quante notti non abbiamo dormito
        Quante volte il vento ci ha portato
        una folata di magiche illusioni
        Ma la notte è arrivata troppo presto.
        Quante volte abbiamo pianto
        e le nostre lagrime divennero rugiada
        per nutrire la rosa dell'Amore
        Quante volte siamo annegati nel silenzio
        e quante volte l'urlo del cuore ha rivelato
        la nostra assenza
        Quante volte ci siamo persi
        e quante volte ci siamo trovati
        Qa la notte è arrivata troppo presto.
        Amore per volare più in alto del cielo,
        Ho spento una ad una le stelle
        perché brillasse solo il tuo cuore
        Amore per baciarti all'ombra della luna
        Hai acceso la notte di mille colori
        Hai acceso il cuore di mille passioni
        Ma la notte è arrivata troppo presto.
        E adesso dormi, Amore, devo andare via,
        e sogna che un Amore più grande venga a svegliarti.
        Composta domenica 2 gennaio 2011
        Vota la poesia: Commenta