Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: angela300

È la mia vita

mi hai detto, si fa così
ed io lo feci, anche se non volevo farlo!
mi hai detto, è così e basta,
ed io ti ascoltai, anche se a malincuore!
mi hai detto, lascialo perché te lo dico io,
ed io lo lasciai, anche se il mio cuore diceva di non farlo!
lo faccio per i tuo bene mi hai detto,
oggi sono cresciuta e ti rispondo,
grazie per avermelo detto,
ma adesso una cosa io voglio dire a te
ridammi la mia vita, perché è la mia vita!
Composta giovedì 20 gennaio 2011
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Rosaria Ricciardi

    Tempesta

    Mani bramose che brancolano nel buio,
    seguendo le tracce di un calore appena acceso.
    Mani irrazionali che cercano senza parole,
    guidate da un silenzio primordiale e animalesco.
    Il respiro
    accelera, singhiozza,
    si ferma.
    Il calore
    aumenta, solletica,
    comanda.
    La ragione,
    sommersa, si spegne.
    Si riaccende,
    in balìa della marea, del flusso, della burrasca.
    La mente irradia la luce,
    placa la tempesta.
    Le mani si fermano, vergognose, mai pentite.
    Il calore è un ricordo.
    Il respiro è ormai un sussurro.
    Un cavallo indomito continua a correre
    nei fulminanti occhi tempestati.
    Le mani, ormai ragionevoli, trasformano una scarica elettrica
    in una carezza.
    Ma la pioggia continua a battere.
    Composta lunedì 3 gennaio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: star_*
      Sotto le lenzuola io sono,
      mi sento persa sento che non ce la farò
      poi... un onda del mare mi colpisce la mente
      e io sono cullata da quella sensazione, poi
      vedo una luce:
      una luce che viene verso di me
      il cuore mi batte forte e
      sento che posso urlare, possono volare... ma dove?
      io ho una meta? se si quale?
      devo cambiare la mia vita lo so ma mi è difficile,
      sono confusa presa a pensare ad altro...
      Sento che manca qualcosa in me... ma cosa?

      Immersa nei pensieri di una quattordicenne,
      penso ai miei sogni, ai miei desideri e mi chiedo
      io perché non riesco a realizzarli.
      Io... avvocato, politico ma quando tutto questo accadrà?
      Un mondo felice non c'è, ma io voglio realizzarlo!

      Sento che forse posso farcela
      ma le parole mi confondono e mi sento persa,
      come rinchiusa al centro di un labirinto
      e devo cercare di uscita, domandandomi come fare ad arrivare al mio punto d'arrivo, aspettando di essere libera.
      Ancora immersa nei miei pensieri penso che tutto ciò sia inutile e deludente perché
      è come aspettare la pioggia in un periodo di siccità...
      Composta sabato 27 novembre 2010
      Vota la poesia: Commenta