Scritta da: la_dea
Auguri a tutti quelli che nonostante abbiano sofferto per amore
continuano ad amare
auguri a tutti quelli che nonostante non siano ricchi
continuano a sorridere
auguri a tutti quelli che nonostante i loro malanni
handicap e menomazioni
continuano a darci una lezione di vita
auguri a tutti quelli che nonostante le difficoltà
continuano a lottare
auguri a tutti.
Anonimo
Composta venerdì 24 dicembre 2010
Vota la poesia: Commenta
    Pensieri, ricordi di momenti preziosi,
    di giorni trascorsi in armonia con il tutto,
    di occhi chiusi e sogni liberi,
    dove la semplice compagnia di qualcuno,
    colmava i vuoti lasciati da anni di solitudine...
    Parole dette, che svaniscono come fumo al vento
    e tracce di emozioni falsamente condivise,
    che restano a ricordarmi ciò che in tanti anni
    non ho mai imparato...
    Anonimo
    Composta martedì 5 luglio 2011
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Lavinia Bova
      Triste è la sera
      quando mi ritrovo sul mio pianeta
      Gli altri sono su un altro dove c'è sole e caldo
      non sanno che sul mio pianeta c'è solo freddo
      Quanto ho sfferto ma ora mi sono risvegliata dal torpore dei ricordi e sento una nuova voglia di amare che mi porta a scrivere di getto frasi, pensieri e illusioni
      sogni di un risveglio felice con una persona amata
      questa voglia di amare è un fiume in piena che non sa dove
      scorrere. Difficile trovar la persona giusta da amar!
      Anonimo
      Composta lunedì 4 luglio 2011
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: SAVERIO FERRARA

        Fenesta ca lucive

        Fenesta ca lucive

        Fenesta ca lucive e mo nun luce...
        sign'è ca nénna mia stace malata...
        S'affaccia la surella e che me dice?
        Nennélla toja è morta e s'è atterrata...
        Chiagneva sempe ca durmeva sola,
        mo dorme co' li muorte accompagnata...

        "Cara sorella mia, che me dicite?
        Cara sorella mia che me contate?"
        "Guarde 'ncielo si nun me credite.
        Purzi' li stelle stanno appassiunate.
        E' morta nenna vosta, ah, si chiagnite,
        Ca quanto v'aggio ditto e' beritate!"

        "Jate a la Chiesia e la vedite pure,
        Aprite lo tavuto e che trovate?
        Da chella vocca ca n'ascéano sciure,
        mo n'esceno li vierme... Oh! che piatate!
        Zi' parrocchiano mio, ábbece cura:
        na lampa sempe tienece allummata..."

        Ah! nenna mia, si' morta, puvurella!
        Chill'uocchie chiuse nun l'arape maje!
        Ma ancora all'uocchie mieje tu para bella
        ca sempe t'aggio amata e mmo cchiu' assaje
        potesse a lo mmacaro mori' priesto
        e m'atterrasse a lato a tte, nennella!

        Addio fenesta, rèstate 'nzerrata
        ca nénna mia mo nun se pò affacciare...
        Io cchiù nun passarraggio pe' 'sta strata:
        vaco a lo camposanto a passíare!
        'Nzino a lo juorno ca la morte 'ngrata,
        mme face nénna mia ire a trovare!...

        Finestra che splendevi

        Finestra che splendeva, adesso è spenta...
        È un segno che la mia bella è ammalata....
        S'affaccia la sorella e cosa mi dice!?
        "La tua cara Amata è morta e sotterrata...
        Piangeva sempre perché dormiva da sola,
        ora dorme in compagnia degli altri morti".

        "Cara sorella mia, ma cosa dite!?
        Cara sorella mia, cosa mi raccontate!?"
        "Guarda in cielo, se non mi credete
        persino le stelle sono rattristate!
        E'morta la vostra bella! oh, sì piangete!
        Quanto vi ho detto è la cruda verità!

        Recatevi alla Chiesa e controllate pure,
        Aprite la bara, e cosa troverete?
        Da quella bocca da cui uscivano i fiori.
        Ora escono solo vermi... Oh! Che strazio!
        O buon Curato mio, abbi tanta cura;
        per Lei tieni sempre accesa una lampada"!

        Ah! Povera cara mia, morta così per me!
        Questi occhi chiusi non li riapri mai!
        Ma agli occhi miei tu sei sempre bella!
        T'ho sempre amata ed ora anche di più!
        Magari potessi io morire al più presto
        ed essere sotterrato accanto a te, Amore!

        Addio finestra, restatene, pure, chiusa
        Ora che il mio Amore non si affaccerà più!
        Mai più io passerò per questa via:
        piuttosto vado a passeggiare al cimitero!
        Fino a quel giorno che la morte ingrata
        mi farà ricongiungere alla mia cara.
        Anonimo
        Composta venerdì 8 luglio 2011
        Vota la poesia: Commenta
          Questo sito contribuisce alla audience di