Questo sito contribuisce alla audience di

Quella assurda attesa

Era d'estate la sera caldo il clima
tepore fresco del girasole in fiore
monti e montagne sui pinti tibetani
io davanti con cappello
bastone
sciarpa magenta
cappotto di montone
pantaloni attillati verde oliva
scaldamuscoli
scarpe da montagna
avevo uno sguardo sicuro ed andavo avanti
sentendo il canto dell'acqua e del vuoto
ed il silenzio della mia famiglia dietro di te Filippo.
quel tunnel fiorito di primavera era un passaggio
di cui conoscevo solo io trucchi e segreti
mille fiori fioriti come cupole ed abbracci proibiti
sentivo il tuo battito andar più veloce
camminavo col basto che mi fece la voce
di nuvole all'orizzonte di vecchi professori
ed ecco che per passione
mi sto trasformando in cigno...
Composta domenica 12 febbraio 2012
Vota la poesia: Commenta

    Tra paranormale e surreale

    Nella nebbia casalese
    mi persi per circa un mese
    passai in un torrente
    passai in maniera sorprendente
    camminai per giorni e giorni
    camminai con i ginocchi gonfi
    arrivai nel torinese
    arrivai li dopo un altro mese
    incontrai un po' di luce
    incontrai un paesaggio inaspettato
    che, tuttavia, dopo poco. Si è volatilizzato
    ritorno in un mondo surreale
    tutto bagnato in una pioggia persistente
    che mi colpisce la mente
    cammino per un mese
    cammino fino al cuneese
    mi perdo nelle pianure
    mi perdo nella neve
    poi si apre un paesaggio sconfinato
    ad alba sono arrivato
    sorrido al nuovi incontro
    risorrido al mondo
    corro corro
    attraverso un fiume in piena
    attraverso Alessandria piena
    attraverso l'Ovada a pera
    giungo per finire a Zena
    dopo tanto a casa, ci sono
    trullalera.
    Composta domenica 9 ottobre 2011
    Vota la poesia: Commenta

      Notte

      Vi auguro una notte stellata
      vi auguro una notte d'amore
      a voi che avete passione
      vi auguro un domani solare
      vi auguro un futuro stellare
      a voi che avete sofferto l'alluvione
      vi auguro un bene plateale
      vi auguro una carezza con il cuore
      a voi che conoscete questo vero autore

      ora sparirò nella notte
      ora sparirò fino al mattino
      da adesso sono il vostro bicchiere di vino.
      Vota la poesia: Commenta

        Un viaggio serale

        Un viaggio serale
        alla scoperta del tuo destino
        tu e il tuo macchinino
        con il fiato sul collo, di una piena imminente
        con la paranoia di non potercela fare
        con lo stato d'animo di un cacciatore
        sono ritornato il lupo selvaggio d'autore
        senza amici, ma con un po' di poesia
        quest'oggi riscapperò via
        questa sera rifarò il solito viaggio
        se non ci risentiamo; a voi tutti buon viaggio.
        Composta mercoledì 9 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta