Questo sito contribuisce alla audience di

Tra paranormale e surreale

Nella nebbia casalese
mi persi per circa un mese
passai in un torrente
passai in maniera sorprendente
camminai per giorni e giorni
camminai con i ginocchi gonfi
arrivai nel torinese
arrivai li dopo un altro mese
incontrai un po' di luce
incontrai un paesaggio inaspettato
che, tuttavia, dopo poco. Si è volatilizzato
ritorno in un mondo surreale
tutto bagnato in una pioggia persistente
che mi colpisce la mente
cammino per un mese
cammino fino al cuneese
mi perdo nelle pianure
mi perdo nella neve
poi si apre un paesaggio sconfinato
ad alba sono arrivato
sorrido al nuovi incontro
risorrido al mondo
corro corro
attraverso un fiume in piena
attraverso Alessandria piena
attraverso l'Ovada a pera
giungo per finire a Zena
dopo tanto a casa, ci sono
trullalera.
Composta domenica 9 ottobre 2011
Vota la poesia: Commenta

    Notte

    Vi auguro una notte stellata
    vi auguro una notte d'amore
    a voi che avete passione
    vi auguro un domani solare
    vi auguro un futuro stellare
    a voi che avete sofferto l'alluvione
    vi auguro un bene plateale
    vi auguro una carezza con il cuore
    a voi che conoscete questo vero autore

    ora sparirò nella notte
    ora sparirò fino al mattino
    da adesso sono il vostro bicchiere di vino.
    Vota la poesia: Commenta

      Un viaggio serale

      Un viaggio serale
      alla scoperta del tuo destino
      tu e il tuo macchinino
      con il fiato sul collo, di una piena imminente
      con la paranoia di non potercela fare
      con lo stato d'animo di un cacciatore
      sono ritornato il lupo selvaggio d'autore
      senza amici, ma con un po' di poesia
      quest'oggi riscapperò via
      questa sera rifarò il solito viaggio
      se non ci risentiamo; a voi tutti buon viaggio.
      Composta mercoledì 9 novembre 2011
      Vota la poesia: Commenta

        La goccia fortunata

        Una goccia scende verso il terreno
        Il suo PH è 5.64 per il diossido di carbonio
        scende con accelerazione costante
        nel suolo esercita un meccanismo di esarazione
        nell'impatto solleva un nano polverone
        la goccia si insinua nella porosità del terreno
        i batteri l'arricchiscono di acido
        il suo PH arriva a 4.7 velocemente
        la sua acidificazione, diventa più potente
        passando di frattura in frattura, veloce ma rallentata
        asporta nano particelle dalla smectite ormai fratturata
        giunge in un punto pieno di nitrato
        la goccia diventa HNO3 concentrato
        il PH si abbassa
        e sopra l'ordine 3 non si passa
        giunge in un punto di fragilità
        pieno di carbonati, idrossidi e silicati; si sa
        essi faranno da agente tampone
        alla goccia levano il PH 3 riportandola al suo vecchio splendore
        ritorna a PH 5,65 in una reazione controllata
        ma prima di giungere alla falda
        si fa un'altra tamponata
        gli idrossidi di ferro e di alluminio l'hanno aiutata
        a PH di circa 8 entra la fortunata
        e così, nella falda entrerà
        e distorsioni al PH non porterà.
        Composta sabato 12 novembre 2011
        Vota la poesia: Commenta

          L'incidente

          Sento la macchina sbandare
          scalo la marcia e tento di recuperare
          la macchina è fuori controllo
          freno a più non posso
          cazzo!, ho preso il dosso
          la macchina non riesco a girare
          porca puttana!, un guardrail vedo arrivare
          dopo un millisecondo vedo gli airbag scoppiare
          il guardrail vedo curvare
          porca, dentro il precipizio non voglio andare
          dopo non riesci a respirare
          il terrore rimane a farti sospirare.
          Esci dalla macchina e inizi a tremare
          guardi i passeggeri e hai paura di vedere quanto si sono fatti male
          li analizzi uno ad uno, meno male stanno tutti bene
          da quel momento fai fatica a guidare.
          Il terrore ti riempie le vene
          vedi un tornante e incominci ad inchiodare
          vedi lo stesso passeggero e non sai viaggiare
          capisci di quanto sei imperfetto nel guidare
          vuoi migliorare
          vuoi imparare.
          Forse, da solo, in quel momento sarei voluto arrivare
          ma il destino non potrai cambiare
          quindi rassicurati e rinizia a viaggiare.
          Composta venerdì 11 novembre 2011
          Vota la poesia: Commenta