Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Io Io

il vuoto

Mi sento solo
Non sento più neanche Dio vicino a me
E mi vergogno a chiedergli di venire a trovarmi
E mi ritrovo qui a scrivere, scrivere cose che dovrei dire a qualcuno
Invece queste parole rimarranno nel vento
saranno delle onde perse in un mare mosso
quelle stesse onde che presto mi distruggeranno
in questi momenti mi sento vuoto, odio il mondo, odio me
E mi accorgo di aver vissuto una vita di rimpianti
Il che equivale a non averla vissuta per niente
Guardo la luna piena dalla finestra e la venero ma la detesto
La principessa del cielo bella ed irraggiungibile
impossibile per un comune mortale come me raggiungerla o sfiorarla
sono solo, sono troppo solo, i miei amici non sanno neanche cosa sono
e riescono a vedere solo il guscio che ricopre il mio corpo
e non ho ancora trovato qualcuno che voglia sapere VERAMENTE ciò che sento
non faccio altro che pensare, di sognare cose impossibili:
sono ancora l'unico imbecille che sia convinto di cambiare il mondo
vorrei che tutti leggessero queste mie parole scritte con le lacrime agli occhi
ma mi manca la cosa essenziale che mi è mancata per 16 anni
il coraggio.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Nastjia

    Notte Infinita

    Ho parlato con te,
    notte,
    di quel buio che t'avvolge
    e in cui tutto scompare.
    Ho parlato di te,
    notte,
    di quella paura che rimane
    e che non se ne vuole più andare.
    Ho parlato contro di te,
    notte,
    nel dolore
    di un mattino senza sole,
    ho maledetto la tua follia.
    Ti ho abbracciato sfinita,
    notte,
    e nel silenzio disperato
    di un pianto senza fine
    mi hai mostrato
    una nuova via...
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Phantastica

      Proteggo i tuoi occhi

      Stringo con la mia mano
      che invecchia, la tua mano,
      e proteggo i tuoi occhi
      con questi occhi che invecchiano.
      Belva di spente età, mi bracca l'orrore,
      sono arrivato da te
      attraverso rovine di mondi,
      e attendo, insieme a te, atterrito.
      Stringo con la mia mano
      che invecchia, la tua mano,
      e proteggo i tuoi occhi
      con questi occhi che invecchiano.
      Non so perché né sino a quando
      rimarrò qui con te:
      ma stringo la tua mano
      e proteggo i tuoi occhi.
      Vota la poesia: Commenta