Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvio Trovato

Sintesi

S'inizia giocando
tra giostre,
rimpiattini,
corse a perdifiato,
schiamazzi,
urla
e il gioco quindi
sbiadisce in amore,
nelle passioni,
negli amori
falsi veri,
lunghi brevi.
Ecco poi il tepore
dei figli,
dei bimbi
per casa
ed allora
filastrocche,
cantilene,
carillon,
stupori,
meraviglia
e ancora gioie...
davvero quelle?
Dolori?
Quelli sì,
eccome.
Questa è la vita
che credemmo
solo per noi
unica,
speciale
ed invece
per tutti
inizia così,
scivola e va,
illude,
disillude,
si sgretola,
avvizzisce,
sfiorisce,
indugia,
ed infine
finisce,
sparisce.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Elisa Spadazzi

    Faccia a faccia

    Mostro i canini
    sento un ringhio, viene dalla mia bocca
    quella bocca che hai baciato mille volte
    che hai amato, odiato
    quella bocca con cui ho sputato tutta la mia rabbia
    e il mio risentimento
    ma è ora di andare avanti
    Li fuori
    la giungla
    la prossima volta ci incontreremo li
    tieniti pronto, solo chi ha sofferto di più vince.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: occhigialli

      Dedica

      China, al lume di una lampada
      stai attenta al tuo lavoro.
      Insoddisfatta della riuscita
      provi e riprovi.
      Ti osservo affascinata
      per la determinazione e la precisione
      che ti caratterizza.
      Mi hai accolto nel tuo mondo,
      insegnandomi il tuo sapere.
      Non sarò mai alla tua altezza,
      ma ti sono grata per tutto ciò che mi trasmetti.
      Composta martedì 19 marzo 2013
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Gaetano Palmese

        Tanto dice il suo viso

        Tanto dice il suo viso
        che tutti i dizionari di questa terra
        parole non hanno per descriverlo

        La sua pelle liscia come un velo di seta,
        le sue labbra rosse come ciliegie, raffinate come vino.
        Le sue guance sono oro sopraffino
        ed i suoi occhi sono due chicchi d'uva.

        Ella è tutta una delizia,
        alla natura tanto ha sottratto
        mentre Dio era distratto.

        E quel candido viso
        ancora tante ne dirà
        ma la natura un posto come quello
        mai lo lascerà.
        Vota la poesia: Commenta