Questo sito contribuisce alla audience di

Destino

Ho inciso il tuo nome sull'argilla
ma il mare ne ha ammantato le iniziali

Ho ripercorso le tue orme lasciate sulla sabbia
ma il vento ne ha coperto il profilo

Ho scritto sulla corteccia di un ulivo la poesia della vita
ma la tempesta ne ha divelto il tronco

Ho costruito un aquilone con il filo del mio destino
ma la forza dell'amore me lo ha sottratto
legandone la cima al tuo
che ha spiccato il volo!
Composta giovedì 1 agosto 2013
Vota la poesia: Commenta

    Se...

    Se non ti avessi t'inventerei
    e con la fantasia costruirei per te un rifugio dorato
    fatto di petali di rose antiche e piume di uccelli tropicali
    dove incontrarti ogni sera

    Se non ti avessi, ti dipingerei sui muri della mia anima
    colorandone i contorni di azzurro cielo
    senza nubi, senza foschie, per volare sul tuo respiro
    ad occhi chiusi, nelle notti insonni,
    come un gabbiano dalle ali di cristallo

    Se non potessi più averti, inventerei l'arcobaleno dei sortilegi
    per stregarti e legarti alla mia vita irrimediabilmente

    Chiederei al tuo cuore la strada più breve per averti
    Farei del mio corpo il fuoco che scioglie le redini
    che negano il piacere e, delle mie mani,
    impalpabili guanti di seta
    che incarnano la passione irresistibile

    Se non potessi più averti, mi trasformerei nello specchio
    dei tuoi desideri mai svelati e colmerei tuoi silenzi
    con il sapore della mia pelle
    mentre il tuo sguardo, riflesso, si inonda di luce!
    Composta domenica 28 luglio 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Eppure

      Eppure potrei ridurre il mio spazio per farti posto accanto a me
      Eppure diverrei la tua ombra per seguirti ovunque
      Eppure farei miei i tuoi bisogni e le tue paure
      Eppure ti donerei la mia speranza se ne perdessi le orme
      Eppure ti darei la mia aria se ti mancasse in gola
      Eppure disegnerei la strada dei sogni sulla sabbia
      Per scorgere all'alba ogni tuo sorriso
      Eppure rinuncerei alla mia libertà se decidessi di legarmi a te
      Eppure mi dipingerei con i colori del tramonto per accogliere il tuo riposo
      Eppure aspetterei il tuo ritorno con la voglia di riabbracciarti
      Eppure comprerei il silenzio per lasciarti riposare
      Eppure mi inventerei ogni sera una nuova storia d'amore per
      incantarti e sorprenderti ancora
      Eppure potrei darti il meglio della mia vita se solo e semplicemente mi dicessi di si!
      Composta mercoledì 31 luglio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Da solo

        Credici, il futuro è nelle mani che sanno osare
        Che sfidano gli increduli, vestiti senza colore, dal volto scavato e gli occhi spenti

        Fidati del tuo saper guardare oltre
        senza mai riflettere su cosa avresti potuto fare di più

        Esplorati perché il meglio di ciò che possiamo dare spesso si nasconde a noi stessi
        condizionato da pensieri che come dighe arginano il nostro agire

        Contaci... puoi raggiungere traguardi inattesi, mete inesplorate,
        e riuscire a farli tuoi puntando il dito solo verso ciò che ti precede!

        Mettiti a prova sui percorsi più accidentati
        dove la voglia di farcela nutre la forza del pensiero più audace

        Apriti al richiamo delle melodie che non appartengono
        alla tua terra
        a quei suoni lontani che evocano danze tribali che sballottano e trascinano
        corpi rivestiti di pelli e piume
        con un ritmo inquietante ma velato di superbo fascino

        Voltati solo se ad aspettarti ci sarà chi non ti ha mai tradito
        e non si è mai preso gioco del tuo amore per rubarti l'anima

        Guardati dentro solo per ritrovare la forza di sfidare gli occhi di
        chi non ha mai creduto che potessi farcela da solo!
        Composta domenica 28 luglio 2013
        Vota la poesia: Commenta

          Sei tu

          Sei tu la mia arte, l'espressione più vera di ogni emozione,
          la penna che si consuma su interminabili fogli di carta,
          il cuore come un tamburo che spacca i timpani,
          sei tu, sei tu
          il richiamo della mia terra
          la forza della mie idee
          sei tu
          la voce che aspetto ogni sera
          la rabbia che consuma l'orgoglio
          sei tu, amore mio
          il mio destino
          la mia pazienza
          il profumo del mare
          mi sembra di cercarti in ogni dove
          di rincorrerti senza riuscire mai a fermarti
          con i miei pensieri arrivo ovunque
          ma le mie mani stringono solo un pugno di insana pazzia
          quella che mi lega a te da sempre,
          e se non c'è altra via per giungere a te
          pazza voglio morire!
          Composta venerdì 26 luglio 2013
          Vota la poesia: Commenta