Questo sito contribuisce alla audience di

Pensieri

Perdutamente, maledettamente,
rovinosamente, incautamente,
pazzamente, ineludibilmente,
incomprensibilmente, inevitabilmente
penso a te, e non vivo più!
Non un minuto senza pensarti, senza sognarti,
senza desiderarti, senza ricordare;
alba del mattino, tramonto della sera,
fai parte delle mie giornate che senza te non hanno più senso.
Mi perdo nei ricordi più dolci,
negli abbracci che ci tennero avvinghiati,
nei respiri e nei sospiri ai quali non avremmo mai voluto rinunciare;
mi manchi come il mare.
Composta venerdì 7 giugno 2013
Vota la poesia: Commenta

    Ancora sola

    Le mie parole come perle
    si sfilano dalle labbra che sussurrano il tuo nome
    e, nel suono vibrante del violino che richiama il calore del mare,
    diffondono nell'aria il profumo della passione
    scolpito sulla mia pelle da quel giorno vissuto accanto alla tua.
    Non cerco invano, perché so di seguire i tuoi passi ma,
    all'ombra di un desiderio che ancora vorrebbe nascondersi, mi appari lontano...
    Non mi chiedi di seguirti,
    ma la corrente mi spinge inesorabilmente tra le tue braccia.
    Non mi chiedi di amarti,
    ma la mia vita ha senso solo se ascolta il tuo respiro.
    Non mi chiedi di viverti,
    ma sai che, finché non lo farò,
    sarò destinata a morire.
    Non mi chiedi di vestirmi di te,
    ma non potrei resistere senza trovare rifugio sotto la tua pelle.
    E, mentre provo a nascondermi sotto la sabbia bianca,
    in compagnia di emozioni infinite che fermano il tempo,
    so che il primo soffio di vento mi scoprirà nuda e, allora,
    nemmeno al tramonto potrà spegnersi il desiderio
    che nutre il mio corpo come luce divina.
    Composta domenica 31 marzo 2013
    Vota la poesia: Commenta

      Solo per te

      Grazie per avermi regalato i sogni
      che hanno colorato i miei giorni migliori
      che hanno forgiato il mio vivere
      e che nessuno mai potrà rubarmi
      grazie per avermi insegnato a sorridere sempre
      ovunque, anche con una lacrima che solcava il viso
      perché ho imparato a combattere con il sorriso
      anche le mie piccole sfide, senza mai arrendermi
      grazie per avermi dato amore immenso
      per avermi amata com'ero
      e di aver fatto dell'amore la tua bandiera
      grazie per aver sempre creduto che si può solo se si vuole
      che non è giusto lamentarsi per rispetto di chi ha meno
      che la vita, in ogni caso, è un viaggio meraviglioso
      grazie per averci creduto
      perché ora so che vale sempre la pena lasciarsi coinvolgere
      grazie per esserci stato e per essere ancora qui
      forte, vigoroso e con i tuoi occhi di cristallo
      pieni di luce
      non lasciarmi mai
      restami sempre a fianco
      la tua carezza sui miei capelli mi fa dimenticare
      che ora sei nei miei sogni, e che non potrò più invecchiare
      tra le tue braccia.
      Composta martedì 9 luglio 2013
      Vota la poesia: Commenta

        Tu sei

        Tu sei il mio tormento che scuote i sensi con un filo di voce:
        Cercami!
        Tu sei la mia pazzia che spazza via ogni certezza:
        Annientami!
        Tu sei il mio segreto che si rivela quando gli occhi non aspettano altro:
        Rivelati!
        Tu sei la mia rumba che scorre nelle vene come fuoco:
        Accendimi!
        Tu sei il mio cammino che si apre davanti a me ogni giorno più rigoglioso:
        Accompagnami!
        Tu sei la mia meta che mette a prova il mio equilibrio:
        Aspettami!
        Tu sei la mia anima che urla il tuo nome e si dispera alla ricerca di un segnale di vita:
        Specchiati nel mio desiderio e placami per sempre!
        Composta martedì 9 luglio 2013
        Vota la poesia: Commenta

          Per essere

          Nella folla di emozioni che danno luce
          cerco la mia forza
          Nel silenzio della notte
          ridisegno i confini della mia esistenza
          Mi perdo nel sorriso dei bambini
          per dimenticare la mia solitudine
          Non c'è tempo per fermarsi a riflettere sul senso di ciò che accade
          perché la vita non ha pazienza
          La vita è avida di coraggio
          mi chiede di combattere ogni giorno
          e non sopporta le lacrime
          Ho coltivato la gioia dentro di me
          perché diventasse sangue caldo
          che nutre e scalda i muscoli
          perché non perdessi la speranza
          di vedere oltre i limiti della mia ragione
          che avrebbe voluto spegnere la mia voglia di essere!
          Composta lunedì 8 luglio 2013
          Vota la poesia: Commenta