Scritta da: Hannele
Questo graffio vitale che toglie respiro
nell'istante in cui vita si insinua
con energia melliflua
nell'anima rapita.

Questo sinuoso canto
d'incanto
a occhi socchiusi
e sbalorditi visi.

Questa folle voce che si muove
e inebriante si scaglia
contro ogni muraglia
e insieme commuove.

Quest'onda di carezze,
viscerali prodezze,
di interminabile cammino
fino allo splendore divino.

Questo caldo respiro
che inonda il tuo spirito,
un abbraccio restituito
per ogni nota e sospiro.
Anonimo
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Hannele
    Come se fossi la tua sacra apparizione
    Di luce splendevo in mezzo alle persone
    Un'aurea intima e protezione
    Che mi regalasti sul ciglio del burrone.

    Ma trovasti solo piume di fenice
    Ad accogliere la tua pelle sognatrice
    In mezzo ai campi e all'essenza
    Di pomodori secchi e partenza.

    Riposa ma non dimenticare
    Questo sacro e intimo altare
    Che sono le mie mani nelle tue
    E le tue pupille nelle mie.
    Anonimo
    Vota la poesia: Commenta
      Questo sito contribuisce alla audience di