Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Krash
Dalla periferia al centro della città
cercando un altro posto dove andare,
una guida che ci prendesse per mano,
nella notte la luce mi ha reso cieco
e per una ragione che non conosco
abbiamo vagato fin là
dove tutte le strade si incontrano
cercando di scagliare il mondo
fuori dalle nostre preoccupazioni,
tenendo gli occhi fissi su di te
ho avuto la sensazione
che avremmo cancellato tutto
e se penso a tutti i luoghi
a cui non apparteniamo
il battito del tuo cuore
mi è più caro,

dopo lo schianto,
distesi, immobili,
l'asfalto è freddo
e le ombre coprono già
tutto ciò che abbiamo perso
come una pietra che affonda
la notte ci ha inghiottiti
perdendoci nell'oscurità
fin nel cuore della città.
Composta venerdì 6 febbraio 2009
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Livido Nero
    Un grumo di sogni,
    un accumulo di speranze
    che non so più dove sistemare,
    un agglomerato di ideali
    frantumati e sparsi ovunque.
    Inseguo la vita senza raggiungerla,
    tento di stringere i denti,
    cerco rifugio nel fulgido splendore
    di una notte da brividi e silenzio,
    nella solitaria bellezza delle stelle
    cerco una pace inarrivabile.
    Sono stanco e non ho sonno,
    sento freddo ed ho paura.
    Composta lunedì 30 dicembre 2013
    Vota la poesia: Commenta
      Lo sai che tanto ti bastano due battiti di ciglia
      per far perdere la testa

      Lo sai che tanto nella tua vita
      non esisterò più
      lo sai che quelle parole non sono vere

      Lo sai che puoi raggiungere tutto
      il mondo, la luna, il sole
      non sono lontanamente belli come te

      Per questo puoi tutto

      Ciò che non sai
      è che
      hai fatto di me una vittima
      delle tue ciglie

      Sgorgherò lacrime pensando
      ad un amore improbabile
      unico e per questo irraggiungibile
      come le stelle

      Anche loro uniche e inarrivabili
      come te

      Una rara stella che ho solo visto
      passare di fronte a me
      ma che non sarai mai nella mia vita

      Il mio resterà un cielo nero

      Non sai cosa possa essere
      un maledetto amore impossibile
      io si
      per questo vedi in me un volto triste

      Vorrei amarti
      come solo si può amare
      un amore impossibile.
      Composta venerdì 30 novembre 2012
      Vota la poesia: Commenta
        Scritta da: Livido Nero
        Violento, furente, incandescente,
        urlato, sussurrato, possente.
        Potente come un fiume in piena,
        mi travolge quest'amore,
        ruggito nel profondo della gola,
        sentito nel profondo del petto,
        forte come un pugno in pieno volto,
        graffiante come schegge impazzite,
        sensuale come un tango a fior di pelle,
        ingannevole come una notte
        passata nel calore del tuo essere femmina.
        Annebbiami, violentami anche l'anima se puoi,
        sfiorami e poi colpiscimi diritto al cuore,
        fammi sentire che non c'è
        altra amante che possa desiderare,
        fammi assaporare il dolceamaro sapore
        dell'abbandono in un letto ancora stropicciato.
        Composta lunedì 23 dicembre 2013
        Vota la poesia: Commenta
          Scritta da: Livido Nero
          Mollo tutto
          mi son detto più volte,
          mollo tutto
          l'ho detto anche stavolta
          e quasi ci credevo.
          Ed invece io resto,
          spingo più forte
          e se mi sento schiacciare
          mi piego quanto più posso,
          mi abbasso quanto più riesco
          per spingere più in alto,
          per farlo con più forza.
          Mi accascio un attimo,
          spento su un fianco
          per riposare qualche istante,
          per raccogliere le forze e ripartire,
          perché la vita non si ferma,
          non ha tempo di aspettare.
          Composta sabato 21 dicembre 2013
          Vota la poesia: Commenta