Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Due amici

Una storia racconta di due amici
che camminavano nel deserto. In un momento
del viaggio i due cominciarono a discutere,
ed un amico diede uno schiaffo all'altro...
questi addolorato, ma senza dire nulla,
scrisse nella sabbia:

il mio migliore amico oggi mi ha dato uno schiaffo.

continuarono a camminare, finché trovarono un'oasi,
dove decisero di fare un bagno.
L'amico che era stato schiaffeggiato rischiò di affogare,
ma il suo amico lo salvò. Dopo che si fu ripreso,
scrisse su una pietra:

il mio migliore amico oggi mi ha salvato la vita.

L'amico che aveva dato lo schiaffo
e aveva salvato il suo migliore amico domandò:

"quando ti ho ferito hai scritto nella sabbia,
e adesso lo fai su una pietra. perché? "

l'altro amico rispose:

"quando qualcuno ci ferisce dobbiamo scriverlo nella sabbia,
dove i venti del perdono possano cancellarlo.
ma quando qualcuno fa qualcosa di buono per noi,
dobbiamo inciderlo nella pietra,
dove nessun vento possa cancellarlo."

Impara a scrivere le tue ferite nella sabbia e ad incidere nella pietra le tue gioie.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz

    Desiderio di Dio

    Vorrei provare ciò che prova un albero
    quando il vento gli scuote dolcemente le sue foglie.
    Vorrei sentire ciò che sente un fiore
    quando nel suo grembo
    si posa dolcemente quell'insetto fugace,
    che impertinente gli ruba un po' del suo amore.
    Vorrei spiegare le mie ali
    come le apre maestosamente l'aquila
    sentendosi padrona del cielo.
    Vorrei scivolare tra le onde del mare
    come fanno i delfini,
    e provare quel dolce essere sfiorato
    dall'acqua spumeggiante.
    Vorrei provare a viaggiare tra le stelle
    e provare a sentire l'universo tra le mani.
    Vorrei provare ad amare,
    per spingermi oltre ciò che la mente
    nemmeno può immaginare.
    Vorrei provare ad essere Dio,
    per imparare a tornare da lui.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Silvana Stremiz
      Sia nel respiro di tutti il sogno che attraversa confine non visto.
      Passi che ancora non cancellano
      deserti e ancora qui non lasciano
      visibili tracce ma che ci fanno
      espandere memorie e donano
      capacità di percorrere il tempo.
      Per ogni pensiero nel silenzio
      sia del cuore l'avvertito soffio
      a regalare ali a quel tempo ora fuggito
      al presente e al futuro non conosciuto.
      Vota la poesia: Commenta