Questo sito contribuisce alla audience di

Scritta da: Silvana Stremiz

Mio perduto amore

Mio perduto amore,
muovi un passo verso di me
e il vento soffierà al contrario,
sì che le foglie morte non saranno più morte,
i frutti maturi non più caduti, ma còlti, afferrati in volo.
Mia nata di fine estate, chiudi gli occhi,
e lascia che le tue mani brancolino nel buio,
e che afferrino ciò che, alla prima sensazione di luce,
pùo sembrarti un segno di una strada da percorrere,
e lascia che esse lo seguano e,
se non ci sarò io sul tuo fatale sentiero,
sappi che sarai al sicuro, mentre io rimarrò qui,
nascosto nel buio, aspettando la tua mano mi sfiori.
Vota la poesia: Commenta
    Scritta da: Silvana Stremiz
    Amarti è piangerti,
    non c'è amore che non viva un pianto!
    ... amarti è guardarti,
    per perdermi nei tuoi occhi e non far più ritorno!
    ... amarti è sognarti,
    per stare con te anche nella fantasia!
    ... amarti è parlarti,
    per dirti in poche parole ciò che il cuore mi sussurra!
    ... amarti è toccarti,
    per capire se sei un sogno o realtà!
    ... amarti è baciarti,
    per essere catapultata in paradiso!
    ... amarti è onorarti,
    per i miracoli che hai fatto alla mia vita!
    ... amarti è fidarmi,
    per lasciarmi andare a occhi chiusi restando sempre a alta quota!
    ... amarti è tutto,
    tutto mi riconduce a te!
    ... amarti è viverti,
    per dare un senso alla mia vita!
    E per me amore mio amarti
    vuol dire infinito...
    ti amo con tutta me stessa.
    Vota la poesia: Commenta
      Scritta da: Federico

      Messaggio di tenerezza

      Ho sognato che camminavo
      in riva al mare con il Signore
      e rivedevo sullo schermo del cielo
      tutti i giorni della mia vita passata.
      E per ogni giorno trascorso
      apparivano sulla sabbia due orme:
      le mie e quelle del Signore.
      Ma in alcuni tratti ho visto una sola orma,
      proprio nei giorni
      più difficili della mia vita.
      Allora ho detto: "Signore
      io ho scelto di vivere con te
      e tu mi avevi promesso
      che saresti stato sempre con me.
      Perché mi hai lasciato solo
      proprio nei momenti più difficili? "
      E lui mi ha risposto:
      "Figlio, tu lo sai che io ti amo
      e non ti ho abbandonato mai:
      i giorni nei quali
      c'è soltanto un'orma sulla sabbia
      sono proprio quelli
      in cui ti ho portato in braccio".
      Vota la poesia: Commenta